• SUL CAN. 669 DELLA TUA TELEVISIONE TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

Gioventù bruciata

Gioventù bruciata

ROMA – Se da una parte la Lazio si coccola il suo Keita che sta facendo faville andando a prendere un posto importante nella rosa di Reja che, difficilmente, si priverà della sua classe, da qui fino alla fine del campionato. Il suo modo di correre sulla fascia e la…

di redazionecittaceleste

ROMA – Se da una parte la Lazio si coccola il suo Keita che sta facendo faville andando a prendere un posto importante nella rosa di Reja che, difficilmente, si priverà della sua classe, da qui fino alla fine del campionato. Il suo modo di correre sulla fascia e la sua classe hanno tinto di biancoceleste anche la sfida contro la Sampdoria, suo l’assist per il goal di Candreva, oltre ad una sgroppata con slalom gigante, peccato la poca lucidità sotto porta altrimenti, se avesse segnato, sarebbe venuto giù tutto lo stadio.

FELIPE VENEZIANO VINICIUS PADOVANO – Per un fiore di Primavera che sboccia c’è una parte della linea verde che non sta convincendo a parte e sta sfiorendo in panchina.Parliamo in primis di Felipe Anderson, investimento da 9 milioni di euro che sta facendo la muffa in panchina. Dopo quel rigore maledetto fallito contro il Ludogorets, è crollato dal punto di vista psicologico, non è più lui, Reja lo ha provato anche in una zona più centrale, ma, nelle gerarchie al primo posto, in un eventuale 4-2-3-1, c’è Capitan Mauri che è risultato decisivo nel mettere in cassaforte il successo contro la Sampdoria. Per riflettere il brasiliano se ne è andato in gondola, alla ricerca dell’onda giusta per ritrovare il guizzo perduto. “Non abbiamo segnali dalla società di un suo prestito” ci ha detto i lsuo agente Castagna, anche se, la Spagna, potrebbe essere un buon banco di prova per rilanciare le sue ambizioni. A pochi chilometri da Venezia, c’è Vinicius, arrivato dal Cruzeiro, non ha convinto affatto e la Lazio lo ha spedito a farsi le ossa nel campionato cadetto con il Padova dove, tra panchina e tribuna, ha collezionato, da gennaio ad oggi, il magro bottino di tre presenze, veramente poche per uno che teoricamente doveva venire a fare il vice Radu.

BRAYAN IN POST…IGA – Il colombiano Perea, è stato catapultato in un campionato difficile come quello italiano, doveva rimanere in Colombia altri 6 mesi se fosse arrivato Yilmaz, alla fine tutto è sfumato ed è sbarcato nella Capitale. Ha sgomitato, si è sbracciato, ha brillato in Europa dove ha messo a segno due goal e in Coppa Italia dove ha segnato una doppietta al Parma, un po’ meno in campionato, dove non è riuscito a farsi valere nelle chiuse maglie delle retroguardie italiane, realizzando il goal della bandiera a Bergamo. Postiga è ritornato abile e arruolato dopo essere stato in naftalina per due mesi, Reja lo ha messo in cima alla lista del vice-Klose alle prese con noie muscolari. Il tecnico goriziano preferisce il portoghese ai primi vagiti nel calcio che conta per il colombiano. Gioventù bruciata, diceva un vecchio film con James Dean, al regista Igli Tare il compito trovare la soluzione giusta per farli risplendere e non far dilapidare un patrimonio su cui si è puntato con forza e convinzione.

 

Cittaceleste.it

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy