Il passato vince sempre

Il passato vince sempre

Qualsiasi avversario arrivi nella capitale, lo stadio Olimpico di Roma rimane vuoto. Gli abbonati ci rinunciano con amarezza, gli altri rifiutano i biglietti perchè la società va lasciata da sola senza pensare alle conseguenze che potrebbe subire una squadra che tanto non ha più nulla da rincorrere. Poi ci pensano…

Qualsiasi avversario arrivi nella capitale, lo stadio Olimpico di Roma rimane vuoto. Gli abbonati ci rinunciano con amarezza, gli altri rifiutano i biglietti perchè la società va lasciata da sola senza pensare alle conseguenze che potrebbe subire una squadra che tanto non ha più nulla da rincorrere. Poi ci pensano i ragazzi che vinsero lo scudetto del 1974 a ricompattare un ambiente che iniziava a sgretolarsi anche internamente. Per le feste biancocelesti ci sono sempre tutti. Dal primo all’ultimo non rinunciano a portare i saluti a chi li ha fatti gioire in epoche lontane e con traguardi brillanti.

 

C’è una Lazio che dominava nel ’74 e nel 2000, ma anche una Lazio che lottava per la salvezza nonostante i punti di penalizzazione che sembravano condannarla. Perchè c’erano le motivazioni che oggi mancano e la grinta che tutti sognano di rivedere in campo. Perchè la maglia celeste era onorata a dovere. Perchè, seppur passato, era vittorioso. E così il passato vince sempre e facilmente.  

cittaceleste.it 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy