KISHNA STORY – Ecco perchè ha scelto la Lazio

KISHNA STORY – Ecco perchè ha scelto la Lazio

Il nuovo acquisto biancoceleste sbarcato finalmente nella capitale. Ecco Ricardo Kishna, talento sbocciato nella verde e giovane terra d’Olanda per fare le fortune di una Lazio alla ricerca del suo nuovo fenomeno.

ROMA – Stregato dal progetto della Lazio, il migliore che gli si potesse offrire per la sua crescita: ecco come nasce il matrimonio tra Kishna e la Lazio. Una trattativa partita da lontano – almeno da un anno – e che ha visto protagonisti il direttore sportivo Tare e Mino Raiola. Il giovane talento olandese è stato corteggiato da tante squadre italiane ed inglesi. La Fiorentina e il Torino ci hanno provato, ma lui è stato convinto dal progetto della giovane Lazio che sta nascendo, tanto talento a servizio di Pioli: Felipe Anderson, Morrison,Keita,Cataldi,Kishna. La baby Lazio punta sulla spensieratezza dei suoi giovani.

RUOLO – Inizia da attaccante nelle giovanili dell’Ajax dove costruisce un ottimo rapporto con Jaap Stam che lo ha allenato e ne ha intuito ottime qualità. In un 4-3-3, può giocare benissimo da esterno offensivo, destro o sinistro, purchè non venga imbrigliato troppo: Ricardo deve scatenare i suoi cavalli come una Ferrari testa rossa. E questo è stato il problema più grande con Frank De Boer, attuale tecnico dei lancieri, che lo bloccava troppo sulla destra. Oppure, nel 4-4-2. Lo utilizzava da interno di centrocampo, ruolo in cui non si è trovato mai troppo bene. Può essere anche un alter ego di Mauri in un 4-2-3-1, agendo dietro l’unica punta Djordjevic o Klose. E’ molto bravo nel passaggio e nel fornire assist vincenti ai compagni. Un tridente composto da Felipe Anderson Kishna e Candreva, potrebbe far girare la testa a molte difese del nostro campionato.

IL COLLOQUIO – Terminate le visite mediche, dove ha ulteriormente testato il feeling con i tifosi della Lazio che gli hanno regalato una sciarpa e una maglietta, il giocatore si tratterrà a Roma e non raggiungerà i propri compagni impegnati tra Austria e Germania . Il tempo di prendere confidenza con la Città Eterna e il centro sportivo di Formello: dal 30 luglio conoscerà i propri colleghi. Con Pioli ci ha già parlato in occasione della sconfitta in terra belga contro l’Anderlecht dello scorso 19 luglio, un confronto positivo con il tecnico parmigiano che gli ha spiegato già la nuova Lazio che sta nascendo .Un primo approccio per conoscere il ragazzo da vicino, poi spetterà al campo parlare e convincere il mister a gettarlo nella mischia.

Di Gianluca Viscogliosi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy