#LAZ-BAY – Un’aspirina in casa con un tocco d’Italia e derby

#LAZ-BAY – Un’aspirina in casa con un tocco d’Italia e derby

ROMA – Poteva andare decisamente peggio per la Lazio, dall’urna di Nyon arriva il Bayer Leverkusen. Sono passati 13 anni da quella finale che brucia ancora per le aspirine, si sono arresi solo ai “galacticos” del Real Madrid: dopo il pareggio di Lucio a portare la nona a Madrid ci…

 

ROMA – Poteva andare decisamente peggio per la Lazio, dall’urna di Nyon arriva il Bayer Leverkusen. Sono passati 13 anni da quella finale che brucia ancora per le aspirine, si sono arresi solo ai “galacticos” del Real Madrid: dopo il pareggio di Lucio a portare la nona a Madrid ci ha pensato sua maestà Zinedine Zidane con una girata al volo da stropicciarsi gli occhi. Lo scorso anno la squadra di Schmidt ha chiuso la stagione regolare al quarto posto, mostrando un buon calcio e molto aggressivo. I tedeschi sono pù avanti nella preparazione rispetto alla Lazio – la bundesliga inizierà tra una settimana – domani saranno impegnati nel primo match della DFB-Pokal, l’equivalente della nostra Coppa Italia, contro lo Sortfreude Lotte. Poi il 15 agosto alla Bayer Arena arriverà l’Hoffenheim, per il primo match di campionato. Tra le punte di diamante c’è l’attaccante Kissling, reduce però da qualche infortunio di troppo e privo di stimoli negli ultimi anni. Tra le maglie del Levrkusen ci sono anche due “italiani: Giulio Donati e il giallorosso Tim Jevdaj, reduce però da un infortunio. Interessante anche il capitano Bender, nazionale tedesco, un mediano dotato di buona visione di gioco: con i campioni dl mondo tedeschi ha disputato 19 partite e messo a segno 4 gol. Senza dimenticare il direttore sportivo Rudy Voeller che conosce bene Roma, avendo giocato con la squadra giallorossa nei primi anni novanta. Lo scorso anno in casa è stato pressochè imbattibile, facendo leva sul catino della Bayer Arena: qui la squadra di Schmidt è caduta solo una volta, contro il Wolfsburg dopo un pirotecnico 4 a 5. L’allenatore delle aspirine ha come modulo preferito il 4-2-3-1. Nel suo palmares ci sono una Coppa di Germania stagione 92/93 e una Coppa Uefa stagione 1987/88.

Cittaceleste.it

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy