Lazio, raso al Sas…suolo della serie A

Lazio, raso al Sas…suolo della serie A

ROMA – Ci sono montagne troppo alte da scalare e delle sfide che sembrano impossibili. Eppure Squinzi questo lo sapeva già e tra la presidenza della Confindustria, ha deciso di mettere insieme i cocci e tentare la scalata alla serie A. E’ partito dalla Romagna e, con una serie di…

ROMA – Ci sono montagne troppo alte da scalare e delle sfide che sembrano impossibili. Eppure Squinzi questo lo sapeva già e tra la presidenza della Confindustria, ha deciso di mettere insieme i cocci e tentare la scalata alla serie A. E’ partito dalla Romagna e, con una serie di sas..suolini, ha creato un impero ed è entrato nella storia di una città d poche migliaia di anime, in piazza non si fa che parlare della sua impresa, una bella favola simile a quella del Chievo di Campedelli. La montagna della A è spesso difficile da scalare e nasconde mille insidie. Il Sassuolo è ultimo in classifica e Squinzi si è rimesso subito in sella per cercare di cambiare rotta ed uscire dalle sabbie mobili.

Detto fatto e nel mercato di gennaio arrivano 12 rinforzi, la difesa praticamente rinnovata, un tecnico nuovo e un attacco in cui a suonare la carica ci pensa il gioiellino scuola Juventus, Berardi, 19 anni e non sentirli, segna goal come un veterano consumato alla decima spedizione in Vietnam, non da punti di riferimento e scatta sul filo del fuorigioco senza disdegnare il destro ed il sinistro, uno da generazione di fenomeni, tanto per scomodare il buon vecchio Curreri, leader indiscusso degli Stadio. Capitano o mio capitano, Paolo Cannavaro, abbandona le lusinghe del maestro Reja per guidare la difesa del Sassuolo ed accettare una nuova sfida, stimolante tanto da rprendersi addirittura la fascia. Tra un giocatore che ti snobba ecco anche l’ex dal dente avvelenato, il Boia, Sergio Floccari, conosce a memoria la difesa della Lazio e sa bene quali sono i punti deboli e quando è il momento di calare la mannaia. Reja ha già incassato tre cannoli dal Catania, facendolo risorgere, il Natale è bello che passato da due mesi, il Carnevale è alle porte giù la maschera cara Lazio, non è tempo di fare scherzi.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy