Lazio, Reja in versione Grande Fratello:Lulic o Keita?

Lazio, Reja in versione Grande Fratello:Lulic o Keita?

ROMA – La vittoria di Cagliari ha rafforzato delle convinzioni nella testa del mister goriziano: modulo che vince non si cambia. La Lazio, spesso e volentieri, si è messa a specchio con l’avversario, ma il 4-3-3 sembra il modulo più adatto ed è quello che ha portato i risultati migliori…

ROMA – La vittoria di Cagliari ha rafforzato delle convinzioni nella testa del mister goriziano: modulo che vince non si cambia. La Lazio, spesso e volentieri, si è messa a specchio con l’avversario, ma il 4-3-3 sembra il modulo più adatto ed è quello che ha portato i risultati migliori in casa Lazio.

LE CERTEZZE – Sicuramente Ledesma e Biglia saranno inamovibili da qui per le prossime 10 partite del campionato, squalifiche permettendo. Insieme stanno affinando una intesa formidabile, creando una cerniera che da una grossa mano alla difesa che, prima, andava spesso e volentieri in affanno: questa è la sesta volta che la Lazio non subisce goal nell’era Reja, un ottimo bottino ed il grande merito passa proprio dalla mediana argentina, dove Ledesma è tornato nel suo ruolo naturale e Biglia può impostare con grande tranquillità supportato dalla dinamicità di Gonzalez.

LULIC O KEITA? – Adesso, dopo la squalifica ritornerà come esterno destro di attacco proprio Candreva, un vero punto fermo dello scacchiere della Lazio, Reja punta molto su di lui, si trova bene qui a Roma, cercherà di sfruttarlo al massimo da qui fino alla fine del torneo. Il futuro è ancora incerto, si parla di riscatto, ma meglio cautelarsi sfruttando tutta la sua spinta da qui fino alla fine del torneo, poi la palla passerà a Lotito e Pozzo. A questo punto Reja si troverebbe davanti ad un dubbio quasi amletico e vestendo i panni del Grande Fratello, dovrà eliminare un giocatore dall’ undici iniziale. Lulic da più garanzie come esterno alto, piuttosto che da mezz’ala, alla Biglia per intenderci, ha bisogno di campo e di corsa, per esaltare le sue doti ritrovate sull’isola sarda. Dalla sua parte però è esploso Keita, alla quarta marcatura in serie A ad appena 19 anni, tanto di cappello e dotato di ottima tecnica, spunti e capace di dare vivacità all’attacco della Lazio, rimasto piuttosto abulico, vista la scarsa vena offensiva del Panzer Miro Klose. Il terzo elemento del centrocampo dunque sembra essere una questione che riguarda uno tra Onazi e Gonzalez, con l’uruguaiano messo in pole position. A questo punto chi si accomoderà come esterno sinistro di attacco:Lulic o Keita? La certezza del bosniaco o l’estro del giovane senegalese? Lo sprint o la beatà gioventù? Al saggio Reja l’ingrato compito di giocarsi la carta giusta.

 

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy