OGGI SI GIOCA – E adesso Pioli non vuole fermarsi!

OGGI SI GIOCA – E adesso Pioli non vuole fermarsi!

ROMA – Qualcuno quasi gli rideva in faccia, quando con l’ambizione che ben si addice solo ad un vero professionista, il mister della Lazio Stefano Pioli dichiarava in conferenza stampa di voler vincere tutte le partite che rimanevano fino a fine campionato. Per ora – alla faccia loro e del…

ROMA – Qualcuno quasi gli rideva in faccia, quando con l’ambizione che ben si addice solo ad un vero professionista, il mister della Lazio Stefano Pioli dichiarava in conferenza stampa di voler vincere tutte le partite che rimanevano fino a fine campionato. Per ora – alla faccia loro e del bicarbonato di sodio – ha infilato 5 successi consecutivi, cosa che non accadeva dal 2010, quando in panchina c’era Reja e il gioco della compagine laziale era “leggermente” diverso. Forse ugualmente efficace, ma certamente meno divertente, più Italiano e poco Europeo. Il calcio espresso dall’11 Pioliano – infatti – è tutta un’altra roba. Aggressivo, propositivo. Colmo di ripartenze e scarno di pause. Simile per alcuni aspetti – e con le dovute proporzioni – a quello che mostra ogni domenica il Verona di Mandorlini, che stasera arriverà in un Olimpico che si presenterà strapieno di sogni e propositi.

TABU’ – Non si farà cogliere in castagna – Mandorlini – che durante tutta la settimana ha studiato nei dettagli la formazione biancoceleste. Movimenti, schemi e tutto il resto. Anche perché con Stefano Pioli, gli è sempre andata bene. Già, perchè il tecnico Laziale non ha mai superato il collega nei match casalinghi di campionato. Guardando i precedenti con punti in palio – infatti – si scopre come Pioli abbia rimediato un ko per 1-4 in Bologna-Verona della passata stagione, mentre in cadetteria dopo l’1-3 in Salernitana-Atalanta del 2003-2004 sono arrivati 2 segni “x”. Le cose non migliorano invertendo i campi da gioco, perché anche in trasferta il tecnico biancoceleste mai ha raccolto un successo contro le squadre di Mandorlini. Non male, come prologo.

ECLISSI – Ma i numeri, lasciano il tempo che trovano. Poco, alla Lazio. Che preferisce parlare con i fatti, piuttosto che con le fredde statistiche le quali – al massimo – sono utili a costruire un tabu’ da sfondare a suon di gol. In campo non ci sarà la Salernitana e nemmeno il Bologna. In campo, a rispondere agli ordini di mister Pioli, ci sarà la Lazio. Che con tutto il rispetto per gli altri, è un’altra cosa. In corsa per la Champions, davanti ad un pubblico che si presenterà con l’abito da sera, fallire è l’ultima delle possibilità. La Roma è a pezzi, ad un passo lì al secondo posto, pronta ad eclissarsi di fronte alla spensierata bellezza e consapevole grandezza di una Lazio che ha fame. E tanta voglia di bastonare tutto ciò che le si presenta davanti. Avanti Lazio!

Rob.Mac. – Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy