ANCORA BUIO A SAN SIRO: SOLO PAROLO…

ANCORA BUIO A SAN SIRO: SOLO PAROLO…

Mordente da piangere, difesa da brividi. A centrocampo Lulic non ha più nessuna voglia di correre. E davanti non fanno certo le sgommate. Anderson accelera a scoppio, Candreva tira neanche fosse sulla spiaggia di Anzio…

ROMA – Al Diavolo 20 milioni, Parolo – purtroppo o per fortuna, fate voi – è ancora alla Lazio. A San Siro segna proprio l’uomo che stasera poteva essere del Milan. Stacco in area sul corner di Biglia (terzo assist consecutivo), capocciata vincente: quinto gol stagionale per l’ex centrocampista del Parma. Ma figuriamoci se la Lazio non riusciva a subire la quattordicesima (dopo le due con lo Sparta) rete nel famigerato primo quarto d’ora: esattamente allo scadere del 15’, stavolta c’è la zampata di Bacca perso da Hoedt. Disastroso anche nella punizione su cui Bonaventura colpisce in pieno la traversa.

RASSEGNAZIONE – Mordente da piangere, difesa da brividi. A centrocampo Lulic non ha più nessuna voglia di correre. E davanti non fanno certo le sgommate. Anderson accelera a scoppio, Candreva tira neanche fosse sulla spiaggia di Anzio. E Matri torna a casa e si fa un bel sonnellino a San Siro. Uno stadio che almeno porta fortuna alla Lazio: solo qui (anche contro l’Inter) le uniche due reti biancocelesti segnate nel primo quarto d’ora. I biancocelesti tra l’altro non trovavano la porta nel primo tempo in trasferta da 6 partite, dalla vittoria del Franchi per 3-1.

CONTESTAZIONE – Lontano dall’Olimpico c’è la Nord, ma non certo per applaudire.I circa 200 laziali giunti fino a Milano non risparmiano fischi e cori: “Mercanari” e “Tirate fuori le p…”. Solo una breve pausa per esultare al gol di Parolo, poi d’altronde non c’è più nulla. Nel finale decisici Donnarummma su Felipe e Marchetti su Bonaventura. Non scordatevelo, da qui a fine stagione per l’Europa non ci sarà nessun’avventura.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy