La Lazio vuole fare tredici

La Lazio vuole fare tredici

ROMA – Lazio e Parma si affrontano per la ventitreesima volta allo Stadio Olimpico di Roma, nel massimo campionato di calcio. Il bilancio pende a favore dei padroni di casa che hanno portato a casa la vittoria in 12 occasioni a fronte di appena 3 sconfitte e 7 pareggi. In…

ROMA – Lazio e Parma si affrontano per la ventitreesima volta allo Stadio Olimpico di Roma, nel massimo campionato di calcio. Il bilancio pende a favore dei padroni di casa che hanno portato a casa la vittoria in 12 occasioni a fronte di appena 3 sconfitte e 7 pareggi. In tutto sono stati messi a segno 47 goal, 30 a favore della Lazio contro le 17 marcature per quanto riguarda i ducali. La vittoria interna più larga va in scena nella stagione 1994/95 un 5 a 2 che porta le firme di Signori, autore di una tripletta, doppietta di Diego Fuser, a cui hanno risposto i goal di Osio autore di una doppietta. Una delle sfide più spettacolari, che ha permesso di conquistare al Parma tre punti, è quella andata in scena nella stagione 2003/04, quando a stendere la Lazio ci hanno pensato la doppietta di Mark Bresciano, futuro biancoceleste, a cui si sono uniti i goal di Adriano, Stam e Simone Inzaghi.

Una curiosità legata la punteggio di parità in cinque occasioni su sette il punteggio si è fermato sullo 0 a 0.Tra i bomber del match di tutti i tempi, al primo posto troviamo Giuseppe Signori che ha nella squadra ducale la sua vittima preferita con 5 centri, seguito al secondo posto da Diego Fuser con tre centri, all’ultimo gradino del podio si accomodano Bresciano,Salas,Osio e Casiraghi con due centri. Lo scorso anno la Lazio ha trionfato con il punteggio di 2 a 1 grazie alle reti di Biava e Klose a cui ha risposto la rete di Belfodil. L’ultimo successo del Parma a Roma risale alla stagione 2009/2010 quando i goal di Bojinov e Amoruso hanno ribaltato il vantaggio iniziale di Mauro Zarate su calcio di rigore.

Cittaceleste.it

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy