• SUL CAN.85 DELLA TUA TV TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

Lazio champagne! Poker nel segno di Immobile

Lazio champagne! Poker nel segno di Immobile

di redazionecittaceleste

 

di Lorenzo Ottaviani

 

ROMA – Poker di vittorie consecutive, poker di gol. Non poteva andare meglio il pomeriggio della Lazio di Inzaghi, che ritrova bel gioco, certezze e Caicedo anche in fase realizzativa. Il tandem composto dall’ecuadoregno e Ciro Immobile funziona a meraviglia – 3 gol in due -, mentre Milinkovic torna a dominare in mezzo al campo. Una bella iniezione di fiducia per i capitolini, che salgono a 9 punti in classifica.

 

IL TANDEM FUNZIONA

La Lazio parte subito forte e la sblocca dopo 6 minuti: a portare in vantaggio i padroni di casa è proprio Felipe Caicedo. L’ecuadoregno non doveva neanche giocare, invece è proprio lui a far mettere la testa avanti ai suoi. I biancocelesti hanno approcciato bene alla partita e continuano a spingere, non accontentandosi di una sola rete e tentando di approfittare di un Genoa stordito dal gol preso a freddo e dall’intensità capitolina. Con il passare dei minuti però gli ospiti si svegliano dal torpore, alzando il pressing e costringendo la Lazio ad un atteggiamento più guardingo. Ma è proprio in questo momento che i biancazzurri trovano il raddoppio: Caicedo – ancora lui – ruba palla, tocca per Parolo che serve Immobile in profondità. Il napoletano è una sentenza e mette dentro il 2-0, per una Lazio che ha giocato 25′ di alto livello. Ballardini corre ai ripari mettendosi a quattro dietro e inserendo Kouamé per creare qualche grattacapo alla retroguardia biancoceleste, ma l’inerzia della partita rimane la stessa. Con un tiro del neo-entrato neutralizzato da Strakosha, si chiude il primo tempo.

 

TORNA LA MILINKOCRAZIA

Il secondo tempo inizia come era iniziato il primo, a parti invertite però. La Lazio rischia di segnare il terzo gol, ma sulla ripartenza è il Genoa a colpire con Piatek al 46′. Il capocannoniere non perdona e gli ospiti accorciano le distanze. Proprio quando qualche fantasma inizia a passare per la mente dei giocatori e dei tifosi capitolini, il Sergente torna dominatore dei cieli. Minuto 53: Lulic mette in mezzo dalla sinistra un buon cross, che Milinkovic trasforma in oro battendo Marchetti con un preciso colpo di testa. Arrivata al 3-1 la Lazio continua a spingere, e qualche minuto dopo Caicedo sfiora la doppietta con una bella giocata in area. Al 60esimo è invece il centrocampista serbo ad andare vicino al secondo gol personale con un tiro da fuori area su un altro suggerimento di capitan Lulic. Passano quattro minuti e Parolo fa la barba al palo con un leggero tocco d’esterno su assist di Milinkovic, il portiere genoano soffia sul pallone che esce di un niente: i capitolini continuano a collezionare succose occasioni da rete. Come quella che capita al 79esimo a Correa, subentrato a Caicedo, ma il “Tucu” calcia altissimo non calando il poker. Ci pensa infatti ancora Ciro Immobile a realizzare il quarto gol per i suoi, mettendo dentro dopo una buona giocata ancora del numero 11. La Lazio vince e stavolta convince, raggiungendo la quarta vittoria consecutiva della propria stagione.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy