Lotito: “Non posso gioire dopo un secondo tempo del genere”

Lotito: “Non posso gioire dopo un secondo tempo del genere”

Claudio Lotito, presidente della Lazio, è intervenuto ai microfoni di Mediaset Premium nel post-partita della sfida di Europa League contro l’Apollon. Ecco le sue dichiarazioni: «Mi auguro che la squadra riprenda fiducia e dimostri nelle prossime partite le proprie potenzialità. Oggi abbiamo avuto diverse occasioni sprecate in modo clamoroso. Nella…

Claudio Lotito, presidente della Lazio, è intervenuto ai microfoni di Mediaset Premium nel post-partita della sfida di Europa League contro l’Apollon. Ecco le sue dichiarazioni: «Mi auguro che la squadra riprenda fiducia e dimostri nelle prossime partite le proprie potenzialità. Oggi abbiamo avuto diverse occasioni sprecate in modo clamoroso. Nella ripresa alcune situazioni ci hanno fatto disunire come se avessimo già raggiunto la vittoria e ci siamo complicati la vita».

SCURO IN VOLTO – «L’importante oggi era vincere sia per l’autostima sia per la classifica. Valuteremo le cose che sono andate male fino ad ora e tireremo fuori delle conclusioni. Il valore della squadra è alto, oggi l’ha dimostrato anche Keita che se messo in condizione può fare veramente bene. Umore? Non posso gioire dopo un secondo tempo del genere, la squadra deve migliorare sotto il profilo della concentrazione, del cinismo e della determinazione».

IL CONSIGLIO – «Ora bisogna riacquistare la solidità dello scorso anno anche attraverso la questione tattica. Ricordo che la scorsa stagione abbiamo fatto bene con il 4-1-4-1, bisognerebbe provare certe soluzioni. Purtroppo però siamo colpiti da tanti infortuni che incidono e non poco sulle prestazioni. Speriamo di avere l’intero organico a disposizione per testare le capacità della squadra».

LA PARTITA – «Stasera ho visto una squadra dal doppio volto: benissimo nel primo tempo e completamente svogliata nella ripresa. Partite come quella con il Genoa non le prendo in considerazione, ma vedendo il cammino fatto fino ad ora si nota che c’è un alto tasso di qualità ma che deve essere accompagnato dal fattore mentale che attualmente ci manca». (Calcionews24.com)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy