Marchetti chiama Conte: due voli Carpi-ati per l’Europeo

Marchetti chiama Conte: due voli Carpi-ati per l’Europeo

La Lazio vince due a zero a Modena, il portiere neutralizza due rigori. Candreva a quota 10 gol, come l’anno scorso

ROMA – Un volo Carpi-ato per l’Europeo. Torna lo spettro del primo maledetto quarto d’ora con un maldestro rigore (impalpabile lo stop d’un pallone) concesso da Hoedt, ma Marchetti oggi è ancora super: prima neutralizza Mbakogu dal dischetto, poi evita ancora il gol sulla respinta. Primo penalty parato dal portiere di Bassano (in totale subiti 22) in campionato, da quando veste la maglia biancoceleste. In questo finale di stagione sta provando davvero in tutti i modi a meritarsi una chiamata di Conte. Infatti, non contento, rimedia pure all’orrore (tocco di mano) del subentrato Mauricio: secondo rigore parato, dopo 17 consecutivi subiti. Nella ripresa altri voli di rara bellezza, si sentono le urla da dietro la porta: “Ti prego, Marchetti, lasciala entrare…”. Niente.

>>> ULTIM’ORA, SI’ ALLA LAZIO: HA DECISO DI VENIRE IN BIANCOCELESTE

SLANCIO – E’ la sua prima prodezza però a galvanizzare tutta la Lazio. Che reagisce prima con una traversa di Lulic, poi al terzo tentativo sottoporta (due reti divorate da Parolo) trova il gol rabbioso di Bisevac. Gloria anche per il “partente” Candreva, su assist di Felipe (servito da uno strepitoso filtrante di Klose): Antonio raggiunge quota 10 centri, ne mancano due al suo record personale della storia biancoceleste per un centrocampista. Eguagliato comunque il bottino dello scorso anno. E non solo: l’esterno sempre più capocannoniere della Lazio e anche il primo ad agguantare la doppia cifra in questa stagione. Sarà pure una spina dello spogliatoio, ma sa sbocciare come una rosa. E Simeone, a Madrid, ne sente fortissimo il profumo.

>>> BIGLIA LASCIA LA LAZIO? TARE HA DECISO IL SOSTITUTO

RIMPIANTI – Tristissimo l’odore dell’addio di Klose.  Che trova la sesta rete consecutiva nelle ultime sei partite: cross di Onazi (dentro al posto di uno sconsolato Felipe), girata pazzesca del panzer dai 16 metri, Belec trafitto sul palo lungo. Un moto di dignità a Europa persa. La Lazio vince a Modena contro un Carpi alla disperata ricerca della salvezza, ma a questo punto aumentano i rimpianti delle tante occasioni perse. In Emilia però riemergono tanti motivi di questa stagione disastrosa. A cominciare dalla difesa, che ha incassato 47 gol e c’è ancora l’ultima partita da giocare. E forse l’ultimo obiettivo per Marchetti, un Conte alla rovescia.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy