MATRI ALLA RISCOSSA – Alessandro diventa “Magno” attaccante della Lazio

MATRI ALLA RISCOSSA – Alessandro diventa “Magno” attaccante della Lazio

matri

ROMA – Matri alla riscossa, da terzo incomodo a uomo di peso tra le punte della Lazio. Arrivato in sordina l’ultimo giorno di mercato, tra lo scetticismo generale e dopo una stretta di mano a Casa Milan tra Lotito e Galliani. “Non vedo l’ora di cominciare”, le sue prime parole in biancoceleste allo sbarco a Fiumicino, dove ad accoglierlo c’erano più giornalisti che tifosi.

MEDIA – Chiude l’anno in corso come miglior marcatore stagionale della Lazio, con 6 centri all’attivo, seguito dal suo compagno di reparto Djordjevic e Felipe Anderson che si sono fermati a 5 marcature, tra campionato, Coppa Italia ed Europa League. L’ex bomber rossonero ha una media realizzativa di un gol ogni 127 minuti, più alta rispetto a quella di Filip Djordjevic, una ogni 151 minuti giocati. Fermo al palo Miroslav Klose che, infortunio a parte, è ancora a secco in questa stagione. Matri esordisce nella disfatta di Napoli, segna in tutte e tre le competizioni: sua la doppietta che stende l’Udinese e il gol che regala il momentaneo vantaggio con la Sampdoria. Pioli lo utilzza molto in Europa League dove parte titolare in quattro cirocastanze e non tradisce le attese: gol contro il Rosenborg in casa e nella trasferta di Saint-Etienne. In Coppa Italia, contro l’Udinese, poi fulmina Meret in uscita e da il via alla rimonta biancoceleste completata da Danilo Cataldi. Lui che nasce come ciclista, vuole prendersi sulle spalle la Lazio e condurla verso vette inesplorate, li, dove osano le aquile.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy