Non sarà un av…Ventura

Non sarà un av…Ventura

ROMA – “Non sarà un’avventura, non puo’ essere soltanto una primavera.” Così cantava Battisti ed è quello che sta accadendo al Torino, forte dei 48 punti in classifica e orchestrato magistralmente dal capitano di Ventura che ha messo tutti gli ingranaggi al posto giusto e si viene a giocare a…

ROMA – “Non sarà un’avventura, non puo’ essere soltanto una primavera.” Così cantava Battisti ed è quello che sta accadendo al Torino, forte dei 48 punti in classifica e orchestrato magistralmente dal capitano di Ventura che ha messo tutti gli ingranaggi al posto giusto e si viene a giocare a Roma uno spareggio con vista Europa League. Orfano di Cerci, ex giallorosso e sempre avvelenato con la Lazio, potrà comunque contare sul capocannoniere Ciro che, di stare Immobile non vuole proprio, svarierà su tutto il fronte d’attacco creando non pochi grattacapi alla retroguardia biancoceleste. Occhi anche al genio nord africano El Kaddouri che, con le sue magie, vorrà sfornare assist e giocate per il suo terminale offensivo. In difesa il figlio di Cesare vuole fare il Bovo e scornare gli avanti della Lazio che avranno vita dura anche contro capitan Glik che ha sempre un conto aperto con la compagine capitolina, due goal negli ultimi due confronti.

A concludere il quadretto a colpi di Social, ci sarà anche Meggiorini che non le ha mandato di certo a dire a Mauri, che, da falso nueve vorrà dribblare le critiche e twittare in faccia al suo “nemico” un bel goal come ha fatto lo scorso anno. Dal virtuale al reale il passo è breve, ci si gioca l’Europa e non serviranno cinguettii in mezzo al campo, la fame dei leoni dovrà attanagliare la compagine biancoceleste chiamata a prendere il Toro per le corna ed eliminare un’ acerrima concorrente nella corsa per l’ultimo treno dell’Europa League.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy