Sergej in posa: la Lazio domina ma ora è leziosa

Sergej in posa: la Lazio domina ma ora è leziosa

Questo il commento al termine del match del Barbera

PALERMO – Stavolta ci mette l’artiglio. Secondo graffio d’autore per Milinkovic, seconda esultanza in questo campionato. Ancora puntuale e determinante nelle due fasi di gioco. Era andato a canestro in casa contro il Pescara, adesso il piattone sotto le gambe di Posavec spinge la Lazio verso la vetta. Che corpo d’acciaio, Sergej è di ferro. Sarà il fuoco dei balcani, ma adesso questo serbo brucia ovunque in campo. Su la cresta, c’è sempre lui di testa. La Lazio a Palermo può fare ancora festa. Meno pressing e aggressione all’inizio, ma dopo 4’ è sempre Sergej il più pericoloso. Inzaghi decide di rilanciarlo mezz’ala nel 4-3-3, nonostante la difesa a tre rosanero, ma lui è un attaccante aggiunto.

MERCATO LAZIO, ARRIVA L’ANNUNCIO!

FELIPE – Due centri come Felipe per intenderci. Diffidato e con meno compiti di copertura ovviamente. Così lì davanti, pure da fermo, il brasiliano diventa dirompente. Al 20’ prova con una puntata a deviare in gol la traversa d’Immobile (con un rigore invocato invano da Keita), poi inventa un filtrante meraviglioso su una sovrapposizione di Basta, che deve servire facile Milinkovic. Immobile è a tutto campo, ma poi è poco lucido sugli assist di Anderson. Quest’ultimo fa infuriare Diamanti con un tunnel, ma sugli sviluppi della punizione conquistata la Lazio va vicino al raddoppio: sponda di Milinkovic, collusione di Radu parata da Posevac. Nei minuti di recupero brividi però per Strakosha su un cross deviato da Nestorovski.

CALCIOMERCATO LAZIO / OCCHIO ALL’ADDIO A SORPRESA

LEZIOSITA’ – Nella ripresa Parolo calcia centrale, Keita alle stelle. La Lazio soffre perché spesso è troppo leziosa e non sa far possesso bene. Meno male che in difesa c’è la terza prestazione spaventosa di Wallace: di piede o di testa, prende ogni palla al centro. E, quando non c’è, porta comunque “Fortuna” ai compagni. La scivolata disperata di Radu in area su Quaison all’inizio dell’ultimo quarto d’ora salva una partita dominata, ma mai chiusa.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy