MENU
Il sito libero dei tifosi della Lazio
 


La Notizia

ROMA - Dopo i due anni di militanza nelle file dell'AeK di Atene, Stefano Sorrentino,  prima che la Lazio optasse per la coppia Carrizo-Muslera, era stato uno dei papabili per raccogliere l'eredità di Peruzzi, poi non se ne fece più nulla. Con il Chievo in questa stagione, ha affrontato tre teste di serie del campionato italiano, tra cui la stessa Lazio che si è imposta al Bentegodi per 1-3. Per parlare di questo e altro, lo abbiamo intervistato in esclusiva:
 
Nato a Cava de' Tirreni, trasferito a Torino giovanissimo, poi esperienze in Italia e fuori. E' quello che si immaginava ad inizio carriera?

"Più che mi aspettavo…è quello che speravo. Sono sempre stato un sognatore. Poi ,il fatto di girare, mi si addice molto. Più giri, più conosci altri usi, costumi, culture. Sono esperienze che ti danno l’opportunità di crescere e di arricchirti a livello umano e professionale".

Quale allenatore ha contribuito maggiormente alla sua crescita? 

"Ogni allenatore che ho avuto, in momenti diversi della vita, mi ha dato qualcosa. Sicuramente, posso nominare Lido Vieri, il mio mister a Torino. Poi anche altri, ma chi mi ha fatto fare il grande salto è Claudio Filippi, attualmente alla Juventus".

Quali sono i ricordi più belli del Sorrentino giramondo? 

"Mi auguro prima di tutto di averne sempre di più di ricordi da portarmi dentro. Perché significherebbe fare ancora tante esperienze. Comunque, per ogni posto in cui sono stato, ho un ricordo, un qualcosa di particolare che mi è rimasto dentro".

In particolare dell'esperienza greca, cosa ha conservato e cosa ha buttato via? 

"Sicuramente a livello calcistico il fatto di aver giocato la Champions League.Per quanto riguarda le cose negative, direi la vita quotidiana, che per me non era il massimo. Ma molto probabilmente le poche conoscenze e la lingua, molto difficile, hanno costituito un ostacolo importante".

A proposito di Lazio, quando lasciò l'AeK si parlò di un suo possibile approdo nella capitale. Poi di nuovo due anni fa, prima dell'arrivo di Marchetti. Cosa c'è di vero e come andarono le cose?

"Fu un semplice “ pour parler”… Poi non se ne fece niente"

Gli avrebbe fatto piacere vestire la maglia biancoceleste? 

"Mi avrebbe fatto piacere vestire quella maglia, per la storia e l’importanza del club biancoceleste".

Il suo Chievo ha affrontato Lazio, Juve e Inter, tre squadre in lotta per i primo posti. Quale differenze e difficoltà ha incontrato? 

"La Juve sicuramente è la più forte delle tre. Oltre all’alto tasso tecnico ha la mentalità del non mollare mai. Sicuramente le altre due sono formazioni di qualità, ma attraversano degli alti e bassi, non hanno lo stesso rendimento lineare dei bianconeri".

Come valuta il neofita del calcio italiano Vladimir Petkovic, ha veramente portato qualcosa di nuovo come si dice? 

"Penso che ogni allenatore, a modo suo, porti qualcosa di nuovo. Non è una questione di “passaporto”. Inoltre,  dipende da tante variabili. La fortuna di molti allenatori, sono i giocatori che hanno a disposizione".

Nella lotta scudetto c'è anche la Lazio? Che obiettivi si può porre il club capitolino? 

"Credo non siano ancora pronti per lottare per il posto attualmente. Sicuramente, però, hanno tutte le carte in regola per arrivare tra i primi quattro".

Invece Sorrentino, che obiettivi si pone per il suo futuro e quello del Chievo? 

"A livello personale mi auguro di poter giocare fino a 40 anni in serie A. E, d’altra parte, spero che il Chievo possa sempre militare in questa categoria, che è quella che merita".


 

Francesco Pagliaro

Di la tua, Lascia un commento

Devi effettuare il login per inviare commenti

Non hai un account? REGISTRATI o effettua il login con Facebook

Altre notizie

Notizie flash

Prossima Partita

27-04-2014 15:00
Livorno
Lazio

ultima partita

19-04-2014 15:00
Lazio
Torino

Classifica Serie A

Pt Squadre V P S VC VT
90
Juventus
Juventus
29
3
2
17
12
82
Roma
Roma
25
7
2
14
11
68
Napoli
Napoli
20
8
6
11
9
58
Fiorentina
Fiorentina
17
7
10
9
8
56
Inter
Inter
14
14
6
7
7
51
Parma
Parma
13
12
9
7
6
51
Milan
Milan
14
9
11
9
5
49
Torino
Torino
13
10
11
8
5
49
Lazio
13
10
11
9
4
49
Verona
Verona
15
4
15
9
6
46
Atalanta
Atalanta
14
4
16
10
4
41
Sampdoria
Sampdoria
11
8
15
6
5
39
Genoa
Genoa
10
9
15
7
3
39
Udinese
Udinese
11
6
17
8
3
36
Cagliari
Cagliari
8
12
14
7
1
30
Chievo
Chievo
8
6
20
5
3
28
Bologna
Bologna
5
13
16
3
2
28
Sassuolo
Sassuolo
7
7
20
4
3
25
Livorno
Livorno
6
7
21
4
2
23
Catania
Catania
5
8
21
5
0