Ag. Douglas: “Lazio? …”

Ag. Douglas: “Lazio? …”

Roma – E’ partita la caccia al mister x, il prossimo difensore della Lazio dichiarato in arrivo dal Ds Tare. Il profilo fin qui tracciato è quello di un difensore che gioca in Europa, “chiavi in mano” per ambiantersi nel campionato italiano il più presto possibile. Tourè, Rolando e Vida…

Roma – E’ partita la caccia al mister x, il prossimo difensore della Lazio dichiarato in arrivo dal Ds Tare. Il profilo fin qui tracciato è quello di un difensore che gioca in Europa, “chiavi in mano” per ambiantersi nel campionato italiano il più presto possibile. Tourè, Rolando e Vida della Dinamo Zagabria i nomi più gettonati, ma anche nomi recenti pronti a tornare in auge. Uno è quello di Bruno Uvini del San Paolo, nazionale under 20 brasiliano, che però non combacia con l’identikit trapelato dall’ambiente biancoceleste, l’altra pista porta invece a Douglas Texeira. Il possente centrale del Twente (1.92 x 83 kg) è si di provenianza sudamericana, ma ha ottenuto la cittadinanza olandese ed è prossimo all’esordio con la Nazionale Orange, dal 2007 ha lasciato il Brasile per l’Eredivise, dove ha messo insieme quasi 130 presenze. La Lazio aveva allacciato i contatti con il suo procuratore Marcos Ribeiro, ma le richieste iniziali del Twente di 9 milioni, per un giocatore in scadenza 2013, erano state ritenute eccessive. Ora la musica è cambiata, per sei milioni si può arrivare al suo cartellino, come confermato dall’agente in esclusiva ai nostri microfoni: “Ora la richiesta è più bassa rispetto ad un mese fa. Il Fulham? Non siamo in trattativa con loro, sono voci non vere.  Le porte sono ancora aperte con la Lazio. Contatti? Non posso dirlo, siamo in un momento delicato del mercato”. Eppure il calciatore era ad un passo dal Premiership, poi all’improvviso si è bloccato tutto. Potrebbe essere il caso, oppure l’inserimento di una società importante che ha cambiato le carte in tavola.

F.P.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy