Bergodi:”Petko ha lavorato bene e…”

Bergodi:”Petko ha lavorato bene e…”

Anche Cristiano Bergodi, ex difensore biancoceleste ha detto la sua sul derby: “Dopo la brutta sconfitta di Catania,- ha dichiarato ai microfoni di radio Manà Manà Sport- Petkovic dovrà anche lavorare sull’aspetto mentale. Il derby è sempre una partita molto particolare aperta a qualsiasi risultato. L’allenatore biancoceleste, tutto sommato, ha…

Anche Cristiano Bergodi, ex difensore biancoceleste ha detto la sua sul derby:

“Dopo la brutta sconfitta di Catania,- ha dichiarato ai microfoni di radio Manà Manà Sport- Petkovic dovrà anche lavorare sull’aspetto mentale. Il derby è sempre una partita molto particolare aperta a qualsiasi risultato. L’allenatore biancoceleste, tutto sommato, ha lavorato bene; tutti possono sbagliare e lui è stato anche bravo ad ammetterlo; ha avuto difficoltà anche per poca conoscenza del calcio italiano”. 

Sulla Roma di Zeman poi…: “Con Zeman, tutte le partite sono aperte a qualsiasi risultato. Cura molto bene la fase offensiva scoprendo tanto quella difensiva. Penso che domenica non possono permettersi passi falsi”.

23 aprile 1995, vittoria della Lazio contro la Roma per 2 reti a zero: “Entrammo in campo molto timorosi perché la partita di andata perdemmo 3-0. Ci siamo chiusi di più ed è uscita una brutta partita facilitata da episodi favorevoli, come a volte succede, prendendoci la nostra rivincita sulla squadra giallorossa. Zeman non ci poteva mai aver detto di chiuderci, sarebbe stato improponibile; fu una nostra iniziativa non voluta, dettata anche dalla paura di perdere. Dopo quel derby ci furono delle polemiche con Giannini ma negli anni abbiamo avuto la possibilità di reincontrarci e spiegarci”.

Un pensiero su Mauro Zarate, ieri sceso in campo titolare contro il Panathinaikos: “Zarate ha bisogno di continuità perché ha dimostrato di possedere buone qualità. Il giocatore argentino dovrebbe avere maggiore forza morale”.

Simone Davide

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy