Candreva, tempo di rifiatare

Candreva, tempo di rifiatare

Dieci presenze in campionato e due reti contro Milan e Palermo. Le prestazioni di Antonio Candreva sono in continua ascesa e, l’allenatore Petkovic lo sa bene. Ma adesso in vista del derby romano mette qualche timore alla tifoseria biancoceleste. Nonostante al suo arrivo a Formello i tifosi non lo abbiamo…

Dieci presenze in campionato e  due reti contro Milan e Palermo. Le prestazioni di Antonio Candreva sono in continua ascesa e, l’allenatore Petkovic lo sa bene. Ma adesso  in vista del derby romano mette qualche timore alla tifoseria biancoceleste. Nonostante al suo arrivo a Formello i tifosi non lo abbiamo accolto a braccia aperte – per una sua presunta passione giallorossa – Antonio Candreva, venticinque anni si è riscattato finora più volte sul campo di gioco e, attualmente risulta una pedina fondamentale per la Lazio, ed è entrato nel cuore dei sostenitori. Giocatore straordinariamente coinvolgente, protagonista di conclusioni dal limite, spesso  ha dimostrato di essere tra i  laziali più pericolosi, l’unico capace di impensierire concretamente gli avversari in campo. Tuttavia l’ ex giocatore del Cesena e, convocato due volte con la  maglia della Nazionale, arrivato alla dodicesima giornata di campionato in serie A avrebbe  bisogno di riposare e lo farà in Europa League. Un bisogno emerso soprattutto nell’ultimo incontro fuori casa disputato a Catania (4-0) dove il voto in pagella per il venticinquenne romano é stato un 6 striminzito, sicuramente tra i più alti della partita, ma comunque non all’altezza delle sue precedenti prestazioni. Un Candreva affaticato che non ha inciso, come di consueto, ma c’è da dire che non ha ancora mai ripreso fiato. In vista dei prossimi incontri  il tecnico della Lazio potrebbe decidere di dare un turno di riposo  al centrocampista romano; un problema considerevole, visto il carattere di trascinante del giocatore che  potrebbe influenzare il rendimento dell’intero reparto biancoceleste. Analogamente non dimentichiamoci che anche per Hernanes è accaduto lo stesso. Il rischio é che proprio il centrocampo, punto di forza fino ad oggi, se viene a mancare un forte giocatore che trasmetta la giusta dose di entusiasmo e la voglia di vincere a tutta la squadra,  potrebbe rischiare di non imporsi a dovere nell’economia delle prossime partite. Di fatto è una settimana intensa quella che si apprestano ad affrontare i giocatori di Petkovic. Prima la  gara contro il Panathinaikos in Europa League che metterà a dura prova la tenuta fisica e mentale dei giocatori della Lazio; non trascurando che l’impegno successivo sarà proprio la stracittadina di domenica alle 15 contro la Roma.  La necessità è quella di cancellare alla svelta la disfatta del Massimino, riprendere il cammino di inizio stagione, e ritrovare quei 3 punti che mancano ormai da troppo tempo. I passi falsi contro Fiorentina, Torino e Catania hanno ridimensionato i sogni di gloria biancocelesti, interrotto il volo di una squadra che viaggiava sulle ali dell’entusiasmo. Ad ogni modo ci si domanda se un eventuale panchina per  Candreva possa incidere sul risultato finale di questi attesissimi incontri sia con i greci ma soprattutto con i giallorossi. Staremo a vedere quali decisioni prenderà il  “Dottore” Vladimir Petkovic, nella speranza che si rivelino vincenti.

Chiara Iacobini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy