LE VOCI – Cavanda: “Pronto per l’Udinese e…per i tifosi”

LE VOCI – Cavanda: “Pronto per l’Udinese e…per i tifosi”

di ALBERTO ABBATE – RAMONA MARCONI ROMA – Konkomodo, c’è Cavanda. Out il francese, ecco il belga sulla fascia. Si scalda, Luis Pedro, inietta proteine nelle gambe, vitamina nel cervello. Dietro un carrello stracolmo, spuntano le treccine di Lavaredo e un bisbiglio: “Sono pronto a scendere in campo con l’Udinese.…

di ALBERTO ABBATE – RAMONA MARCONI

ROMA – Konkomodo, c’è Cavanda. Out il francese, ecco il belga sulla fascia. Si scalda, Luis Pedro, inietta proteine nelle gambe, vitamina nel cervello. Dietro un carrello stracolmo, spuntano le treccine di Lavaredo e un bisbiglio: “Sono pronto a scendere in campo con l’Udinese. Speriamo bene”. Toh, chi incontri al supermarket. Sorriso ritrovato, Cavanda riacquista la Lazio. Il mancato rinnovo gli era costato otto mesi fuori rosa, adesso è di nuovo figlio e fratello biancoceleste: “Ma in realtà il mio rapporto con i tifosi è sempre rimasto ottimo”, giura il terzino. Sarà di nuovo titolare contro l’Udinese. Da un bianconero all’altro, si spera proprio di no. In chiaroscuro la prova con la Juve: qualche svarione difensivo, ma anche diversi ottimi interventi, sbiaditi dal passivo finale. Colto a sorpresa dal forfait di Konko, il belga non s’era forse concentrato a dovere per la Supercoppa. Domenica sarà tutt’altra storia.

Festa all’Olimpico, c’è un rinnovo da celebrare sul campo. E Petkovic da riconquistare: è stato il tecnico a volerlo a tutti i costi ancora a Formello, ora deve riconquistarsi il posto. Il mister sogna di lanciarlo sempre sulla fascia, come nella prima parte della scorsa stagione. In potenza, Cavanda è un titolare della Lazio: è chiamato all’esame, dev’essere promosso. Svogliatezza vattene via, è questo il problema: “Darò sempre il massimo”, promette ora Luis Pedro. Nel carrello il migliore proposito, quanta fame.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy