CONFERENZA – Petkovic, ”Fortunati da 16 partite..”

CONFERENZA – Petkovic, ”Fortunati da 16 partite..”

ROMA – Vladimir Petkovic, ha presentato questo pomeriggio a Formello, la gara di domani, che la Lazio disputerà alle 18.00 contro il Chievo di Corini. Ecco le sue parole. Mister, un commento sulla decisione dell’UEFA, riguardo la sospensione della penalizzazione per i cori razzisti in ambito Europeo.. Non so ancora…

ROMA – Vladimir Petkovic, ha presentato questo pomeriggio a Formello, la gara di domani, che la Lazio disputerà alle 18.00 contro il Chievo di Corini. Ecco le sue parole.

Mister, un commento sulla decisione dell’UEFA, riguardo la sospensione della penalizzazione per i cori razzisti in ambito Europeo..

Non so ancora niente, non c’è ufficialità, ma sicuramente su molti comportamenti dobbiamo fare più attenzione in futuro.

Chievo, è un avversario storicamente ostico per la Lazio..

Per fortuna sono nuovo qui e tante esperienze non le ho avute. Dobbiamo come sempre, come in tutte le partite, cercare di dominare. Loro, dopo il cambio di allenatore hanno conseguito tanti buoni risultati. Si chiuderanno bene, per poi ripartire. Martedì c’è la Coppa Italia, ma noi abbiamo già sposato l’abitudine di concentrarci volta per volta su impegni diversi. E’ così che dobbiamo continuare.

Qual’è la situazione di Miroslav Klose? E’ disponibile?

Se è al 100%, sarà in campo, o in panchina. Se non lo è, non verrà nemmeno convocato. E’ il discorso che vale per tutti.

Come sta Dias?

Benissimo. Nell’ultima partita non ha giocato perchè squalificato.

L’attacco della Lazio rimarrà così?

Non è questo il tema. Mi interessa la partita di domani e mi interessa la prova dei miei attaccanti, che si possano confermare.

Qual’è la condizione fisica della squadra?

Se avete visto anche contro la Juve, stiamo crescendo e migliorando. Io ho visto e rivisto la partita, il primo tempo lo abbiamo dominato, il secondo no. Con un po di fortuna abbiamo portato a casa il risultato. Dobbiamo crescere, rispetto a partite come quella con il Cagliari siamo migliorati sotto il profilo della lucidità. Siamo una squadra competitiva, con squadre importanti come Juve o Tottenham, siamo usciti dal campo con risultati positivi. Ma adesso, dobbiamo dimostrare di saper vincere contro tutti, a partire dal Chievo.

Le dà fastidio quando si parla di Lazio fortunata?

Questo fa parte del mestiere, del percorso. Noi sicuramente in queste ultime 16 partite, siamo stati fortunati, perchè non abbiamo perso…

Martedì c’è una gara che porta alla finale di Coppa Italia, questo cambia qualcosa nella sua preparazione?

No. Si continua come abbiamo iniziato. La prossima partita è sempre la più importante. Dopo il Chievo, penseremo al ritorno di Coppa.

Che periodo attraversa Candreva? Non sembra lucidissimo..

La flessione nelle prestazioni ha toccato tutti. Ma ultimamente, quando è entrato in campo, ha dimostrato di avere nuovamente quella forma che aveva ad inizio campionato.

Molti club europei hanno messo gli occhi su di lei, si sente di aprire un ciclo con la Lazio?

Lo abbiamo già aperto. Non solo io, ma anche la società. I cicli possono essere corti, lunghi, medio-lunghi. Questi, poi, dipendono dai risultati.

Cosa non vorrebbe vedere della partita contro l’Atalanta, l’approccio? Perchè il Chievo farà probabilmente una partita difensiva..

Sarà importante quello che faremo noi. Dobbiamo entrare subito in partita, questa è la cosa fondamentale. Abbiamo dimostrato di aver fatto qualche fatica contro Cagliari e Atalanta. Poi con la Juve ci siamo ripresi e spero che adesso per novanta minuti, contro il Chievo, potremo avere un buon ritmo.

Se Klose dovesse farcela, lo vedremo con Floccari?

Prima vediamo se ce la fa. Potrebbe anche essere. Prima facciamo gli esami, poi vediamo..

Mercato, sono stati fatti tanti nomi. Molti provenienti dalla Svizzera..C’è qualcuno che le piacerebbe allenare?

Ci sono tanti giocatori che mi piacerebbe allenare, ma il mercato ora non conta. La cosa più importante adesso è la partita con il Chievo. Il 99% di questi nomi non sono mai stati discussi fra di noi. Qui in Italia ci sono diverse fonti per promuovere diversi giocatori o agenti, che hanno diversi rapporti con radio o giornali. Sono commenti, questi, totalmente inutili.

Carrizo e Bizzarri, vanno via?

Nel calcio ci può stare tuttio. In questi mesi, ho allenato tre portieri forti. Ognuno di loro potrebbe giocare in tante squadre di Serie A.

MR/Cittaceleste.it



0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy