Corradi: “Sono un tifoso biancoceleste”

Corradi: “Sono un tifoso biancoceleste”

Bomber Bernanrdo Corradi è rimasto attaccato alla Lazio e non solo. Al Montreal Impact, insieme a Di Vaio e Nesta sta vivendo una nuova vita calcistica, in una realtà completamente diversa rispetto a quella italiana. Un piccolo gruppo di laziali, ritrovati in Canada: “Con Marco mi sono allenato solo una…

Bomber Bernanrdo Corradi è rimasto attaccato alla Lazio e non solo. Al Montreal Impact, insieme a Di Vaio e Nesta sta vivendo una nuova vita calcistica, in una realtà completamente diversa rispetto a quella italiana. Un piccolo gruppo di laziali, ritrovati in Canada: “Con Marco mi sono allenato solo una volta, mentre con Sandro ho parlato prima che firmasse il contratto”.

Attualmente Corradi è nella Capitale, costretto a riposare per un infortunio, e a curarlo sono proprio i medici che aveva quando militava nella Lazio: “Sarò a Roma 3 mesi, e sto effettuando la riabilitazione proprio con i fisioterapisti che avevo quando giocavo con la maglia della Lazio – ha spiegato in esclusiva ai microfoni di Radioseifra due settimane tornerò in Canada, perchè voglio essere vicino ai miei compagni.”

Due anni di Lazio per lui, dal 2002 al 2004 con un bottino totale di 22 goal: 10 nella prima stagione e 12 nella seconda: “ A Roma sono stati due anni bellissimi e tornare qui è sempre un’emozione. Sono un tifoso biancoceleste perchè la Lazio mi è rimasta nel cuore

Oggi la Lazio è completamente diversa rispetto alla sua: “Non conosco mister Petkovic e il precampionato è stato giudicato in maniera frettolosa, ma sta facendo un ottimo lavoro e la squadra è ottima, può fare bene.” Paragone che non può mancare con la Roma, ma l’attaccante non si sbilancia: “Lazio più forte della Roma? Il gioco di Zeman mi attira, come il progetto Petkovic, faranno bene entrambe”

Commento sui suo “colleghi” in attacco, Klose e Rocchi, due situazioni completamente diverse in casa Lazio: “Klose è fenomenale, nessuno se lo aspettava perchè era in dubbio la sua condizione fisica, e invece la Lazio non è arrivata in Champions lo scorso anno proprio per il suo infortunio. Rocchi? dovrebbe esser ceduto solo se anche lui fosse d’accordo. Se io fossi in lui a 36 anni chiuderei la carriera alla Lazio”.

Simone Davide-Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy