CORSI E RICORSI – L’ira di Lotito contro Candreva

CORSI E RICORSI – L’ira di Lotito contro Candreva

di ALBERTO ABBATE ROMA – Occhi Lazio, ci sono i sintomi dell’anno scorso. Nello stesso periodo, negli stessi atteggiamenti, nella stessa strigliata di Lotito. Che era furioso ieri pomeriggio: “Avete smesso di correre dopo 20 minuti”. Stavolta non ha fatto nomi, ma sembrava la stessa paternale di un anno fa…

di ALBERTO ABBATE

ROMA – Occhi Lazio, ci sono i sintomi dell’anno scorso. Nello stesso periodo, negli stessi atteggiamenti, nella stessa strigliata di Lotito. Che era furioso ieri pomeriggio: “Avete smesso di correre dopo 20 minuti”. Stavolta non ha fatto nomi, ma sembrava la stessa paternale di un anno fa (a inizio dicembre), preludio alla cacciata di Petkovic. Allora il presidente s’era scagliato contro i big, stavolta s’è tenuto dentro i destinatari principali delle sue grida. Un anno fa aveva accusato Candreva di “zaratizzazione”, stavolta ha evitato metafore e luoghi comuni. Non ha puntato il dito, ma le ultime due prestazioni d’Antonio non gli sono affatto piaciute. Lotito gli ha rinnovato il contratto (a cifre da top player) a furor di popolo, pretende un’altra grinta dall’esterno di Tor de’ Cenci. Senza troppi tacchi e punte allo specchio. E’ vero, con 25 assist, Candreva rimane il miglior giocatore biancoceleste, ma può e deve fare di più. E’ uno di quelli che ha giocato sempre, forse avrebbe pure bisogno di un po’ di riposo. Tutti dicono non sia in discussione col Chievo, ne siamo proprio sicuri?

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy