ESCLUSIVA – Crudeli su Mauro Zarate!

ESCLUSIVA – Crudeli su Mauro Zarate!

ROMA – Zarate-Flamini, ipotesi di uno scambio tra Lazio e Milan. Dopo le cessioni di Pato e Robinho, Galliani potrebbe puntare sull’argentino per rimpolpare il reparto, tentando l’operazione di recupero che non è riuscita all’Inter, affascinato dalla possibilità di ripetere quello che è stato per Pirlo e Seedorf. Di contro…

ROMA – Zarate-Flamini, ipotesi di uno scambio tra Lazio e Milan. Dopo le cessioni di Pato e Robinho, Galliani potrebbe puntare sull’argentino per rimpolpare il reparto, tentando l’operazione di recupero che non è riuscita all’Inter, affascinato dalla possibilità di ripetere quello che è stato per Pirlo e Seedorf. Di contro la società biancoceleste, risolverebbe un problema numerico e qualitativo nella zona mediana. Gonzalez e Brocchi potrebbero non bastare per affrontare al meglio le tre competizioni, mentre il giovane Onazi con tutta probabilità partirà per la coppa d’Africa con la sua Nigeria. Serve un centrocampista. Sponda laziale è un’operazione assolutamente gradita dagli addetti ai lavori, mentre resta da capire il termometro dell’ambiente milanista. Per questo abbiamo sottoposto l’argomento ad uno noto giornalista tifoso rossonero, Tiziano Crudeli:

Mauro Zarate per Mathieu Flamini. Si può fare?

Nulla è da escludere in questo calciomercato, è una possibilità che ci può stare. Sostituire Pato e Robinho non è poi così difficile, insieme non superano le cinque reti totali. E poi, il problema del Milan non è l’attacco, ma la difesa che ad esempio, ha incassato 13 gol su palla inattiva.

Zarate dunque potrebbe esssre il giusto candidato?

E’ un giocatore tecnicamente molto forte, che non si è mai espresso completamente, ma che io prenderei subito in una operazione a basso costo. Sarebbe una scommessa, che però avrebbe ottime chances di risolversi postivamente. Io lo scambio lo farei.

Invece Flamini, sarebbe il giocatore giusto per la Lazio?

Se ritorna quello di due anni fa certamente si, poi se Petkovic lo ha indicato bisogna fidarsi di lui. E’ un allenatore che ha dimostrato enormi capacità, bisogna dare lui il credito che merita.

Credito che però il francese, ultimamente non ha. Come mai?

Il Milan già lo voleva dare via ad inizio stagione, poi ha accettato una forte riduzione del compenso ed è rimasto. Poi ha avuto un infortunio che l’ha tenuto fuori, quando è tornato ha trovato una forte concorrenza a centrocampo.

Che obiettivi per le due squadre?

La Lazio è una realtà di alto livello, il Milan quest’anno deve rincorrere e, bisogna essere onesti, al massimo potrà puntare al terzo posto. Molto dipenderà dal mercato che faranno le due squadre.


Francesco Pagliaro

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy