CURIOSILAZIO – Gonzalez e Scaloni in piazza dal Papa, poi in centro con le famiglie

CURIOSILAZIO – Gonzalez e Scaloni in piazza dal Papa, poi in centro con le famiglie

ROMA – Il cuore romano dei giocatori della Lazio batte per Papa Francesco. Alvaro Gonzalez e Lionel Scaloni, due fuoriclasse del calcio, entrambi giunti a Roma per giocare nella Lazio (da quest’anno Scaloni è passato all’Atalanta), nel giorno di Pasquetta sono a passeggio nel centro storico della capitale con la…

ROMA – Il cuore romano dei giocatori della Lazio batte per Papa Francesco. Alvaro Gonzalez e Lionel Scaloni, due fuoriclasse del calcio, entrambi giunti a Roma per giocare nella Lazio (da quest’anno Scaloni è passato all’Atalanta), nel giorno di Pasquetta sono a passeggio nel centro storico della capitale con la famiglia e il cane. «Siamo stati a salutare Papa Francesco in piazza San Pietro nel giorno di Pasqua» ha detto Gonzalez «è stato molto emozionante».

Via del Corso invasa dai turisti

«MOTIVO D’ORGOGLIO» – Alvaro Rafael Gonzalez, nato in Uruguay è stato campione d’America con la nazionale uruguayana nella quale gioca tutt’ora. «Per noi è un motivo d’orgoglio il papa di nazionalità argentina». Seduto al tavolo di un bar della Galleria Sordi, Gonzalez beve volentieri il caffè ma accanto alla tazzina c’è il termos del «mate», la bevanda a base di erbe, molto amata dai sudamericani. Il mate si beve caldo e si scambia con gli amici. Sul termos lo stemma della nazionale uruguayana.

 

Lionel Scaloni

ORIGINE ITALIANA – Lionel Scaloni dalla stagione 2013 è passato all’Atalanta ma il cuore lo ha lasciato nella capitale. «Sono qui con la famiglia per la Pasqua, siamo stati in piazza San Pietro ed è stato molto bello, intenso». Scaloni, di origine italiana, ha vestito la maglia della nazionale argentina sette volte e è approdato nella Lazio nel 2007. Per un anno e mezzo è passato in prestito al Real Mallorca e poi è tornato a Roma richiamato da Eddy Reja nel 2010. Vicino a lui la moglie e la figlioletta di tre anni che instancabile corre tra i tavolini del bar.

 

 

 

 

Fonte: Corriere.it

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy