Del Nero-Lazio,sia maledetta la fascite plantare

Del Nero-Lazio,sia maledetta la fascite plantare

Senza squadra, per adesso. Simone Del Nero sogna di tornare a giocare una partita, e lo fa ai microfoni di TMW: “Al momento di novità concrete non ce ne sono. Sto aspettando una chiamata da qualcuno, che sia A, B o Lega Pro non importa, l’importante è ritornare in campo…

Senza squadra, per adesso. Simone Del Nero sogna di tornare a giocare una partita, e lo fa ai microfoni di TMW: “Al momento di novità concrete non ce ne sono. Sto aspettando una chiamata da qualcuno, che sia A, B o Lega Pro non importa, l’importante è ritornare in campo e fare il proprio lavoro. Al momento aspetto, mi alleno un po’ da solo e un po’ con la squadra di mio padre, la Caperanese di Chiavari, in Liguria. Il procuratore si sta muovendo e quando ci sarà qualcosa di veramente concreto mi chiamerà. Per ora timidi interessamenti o chiacchere le porta via il vento”.

Qualche rammarico per l’avventura alla Lazio, c’è: “Alla Lazio ho avuto tanti problemi fisici, ma mi ha condizionato il fatto di aver giocato poco. Non ero più abituato ai 90 minuti e i 4 anni e mezzo a Roma sono stati un po’ travagliati. Ero partito bene giocando i preliminari di Champions League, poi siamo riusciti a qualificarci e a giocarla e poi una fascite plantare mi ha portato via una stagione. Quando mi sono ripreso non rientravo più nei piani dell’allenatore”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy