EL – Focus sulle avversarie

EL – Focus sulle avversarie

ROMA – La Lazio di Petkovic arriva a questo importante appuntamento di Europa League contro il Tottenham, quando la situazione in campionato è più che positiva. Nelle ultime due partite i biancocelesti sono riusciti a vincere il derby contro la Roma e ad uscire imbattuti dallo Juventus Stadium. Quattro punti…

ROMA – La Lazio di Petkovic arriva a questo importante appuntamento di Europa League contro il Tottenham, quando la situazione in campionato è più che positiva. Nelle ultime due partite i biancocelesti sono riusciti a vincere il derby contro la Roma e ad uscire imbattuti dallo Juventus Stadium. Quattro punti fondamentali e per la classifica e per il livello tecnico degli avversari incontrati. Il morale dei giocatori laziali è alle stelle.

Quale è, invece, la situazione in campionato delle squadre che fanno parte dello stesso girone della formazione di Vlado? In particolare, come si presenta il Tottenham a questa importante sfida?
Gli inglesi in questo momento non stanno vivendo un buon periodo. Escono, infatti, da una serie di brutte sconfitte arrivate in casa contro il Wigan, il Manchester City di Roberto Mancini e infine nel derby contro l’Arsenal – quest’ultima sfida persa addirittura per cinque reti a due. Tre giornate nelle quali gli “Spurs” sono precipitati in classifica vedendo le principali concorrenti allontanarsi sempre di più. La posizione di Villas Boas è in bilico. La società sta meditando l’esonero del portoghese nel caso i risultati non continuino ad arrivare. E intorno al tecnico aleggiano già i fantasmi di possibili sostituti. I nomi più gettonati sono quelli di Moyes, Blanc o Klinsmann. La sfida contro la Lazio potrebbe essere quella decisiva per il suo futuro. I giocatori sono dalla parte del loro allenatore e sicuramente metteranno il massimo impegno per riuscire a raggiungere la vittoria. E ciò potrebbe essere un ostacolo in più per i biancocelesti.

I greci del Panathinaikos hanno una situazione di campionato, se vogliamo, peggiore di quella del club inglese. Alla dodicesima giornata sono fermi a 16 punti, a meno 15 dal primo posto. Andando ad analizzare in undici partite sono stati sconfitti soltanto una volta, ma una lunghissima serie di pareggi li ha portati a grande distanza dalla cima della classifica. Proprio per questo qualche giorno fa il tecnico della squadra di Atene, Jesualdo Ferreira, è stato esonerato e sostituito da Juan Ramon Rocha, tecnico proveniente dalle giovanili biancoverdi. Al giovane allenatore toccherà riportare la squadra in alto in classifica, compito reso ancor più complicato dalla penalizzazione di inizio campionato. Alla sua prima uscita sulla panchina degli ateniesi è riuscito subito ad agguantare una vittoria che restituisce alla squadra quel po’ di morale in più utile per affrontare la partita europea contro il Maribor.

Storia completamente diversa è quella degli sloveni, appunto. I gialloviola sono padroni del loro campionato. Guidano la classifica con un distacco di sei punti dalla seconda e con due partite ancora da giocare. In Slovenia non sono squadre con le caratteristiche adatte a fermare lo strapotere del Maribor. Possono affrontare la sfida di Europa League contro il Panathinaikos nella tranquillità più totale e con la concentrazione massima. Riuscendo a vincere in Grecia, gli sloveni dovrebbero sperare in un risultato positivo della Lazio, per riuscire a raggiungere il Tottenham – nel migliore dei casi anche a superarlo – e giocarsi la qualificazione all’ultima giornata, in casa, proprio contro il club capitolino.

Francesco D’Andrea

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy