ESCLUSIVA – Cesar: “Champions? Siamo realisti…”

ESCLUSIVA – Cesar: “Champions? Siamo realisti…”

Roma – Ai microfoni della nostra trasmissione “Io Tifo Lazio” è intervenuto l’ex giocatore laziale Cesar. Il brasiliano, molto simpaticamente, ha analizzato con noi il momento della Lazio ed ha parlato della sua nuova avventura di allenatore degli allievi del Frosinone. Ma la carriera in biancoceleste non si dimentica facilmente…

Roma – Ai microfoni della nostra trasmissione “Io Tifo Lazio” è intervenuto l’ex giocatore laziale Cesar. Il brasiliano, molto simpaticamente, ha analizzato con noi il momento della Lazio ed ha parlato della sua nuova avventura di allenatore degli allievi del Frosinone.

Ma la carriera in biancoceleste non si dimentica facilmente anche grazie ai compagni di squadra che, con lui, hanno dato vita ad una parentesi felice per i tifosi capitolini. E il suo ricordo è felice come la sua voce: “Erano bei tempi ed eravamo una gran bella squadra piena di campioni. Ci insegnavamo anche la lingua eravamo un gruppo come pochi”.

Te lo aspettavi da Simeone questo grande successo in panchina? Simeone ha fatto tanto per la Lazio e in campo aveva caratteristiche che facevano immaginare che avrebbe funzionato come allentore. E’ riuscito a dare un grande contributo sia in campo che in panchina. La sua potenza lo ha portato in una squadra tanto grande come l’Atletico Madrid”.

E che ne pensi di Mihajlovic sulla panchina della Lazio? “Ne ho sentito parlare, anche lui in campo era grintoso e con la nazionale serba sta facendo molto bene. Ho sentito parlare di questa ipotesi, ma non mi sembra che per ora Petkovic sia sul punto di partenza”.

Come si esce da questa situazione così difficile per i biancocelesti? “Al momento è necessario dare il massimo per uscire da questa situazione. Senza Candreva non sarà facile ma si deve andare avanti. Mancherò anche Lulic che ha tanta voglia e buona tecnica. E’ un valore aggiunto e la sua mancanza si sentirà”.

Dopo l’esperienza da allenatore con le giovanili della Lazio, in cosa sei impegnato?  “E’ stata un’occasione bellissima. Purtroppo non è finita benissimo e mi è dispiaciuto perchè ci tenevo, è stata una bella avventura lavorare con i più piccoli perchè c’è una crescita non solo loro ma anche di noi adulti. Abbiamo scelto di comune accordo di non continuare però è stato un bel percorso. Ora alleno gli allievi nazionali del Frosinone e sta andando molto bene infatti siamo secondi in classifica, abbiamo vinto quattro partite consecutive”.

Ma a cosa può puntare questa Lazio? “Si fa un passo alla volta. Si parlava di Champions, ma bisogna essere realisti perchè tante squadre sono state riportate a livelli importanti come Fiorentina e Napoli”.

Fai un saluto agli spettatori di “Io Tifo Lazio”?Certo! Anche io tifo Lazio!” (lunga risata).

cittaceleste.it

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy