ESCLUSIVA – Stroppa: “Punto su Candreva. Weiss..”

ESCLUSIVA – Stroppa: “Punto su Candreva. Weiss..”

ROMA – Per parlare della prossima stracittadina romana, che per la prima volta nella storia metterà in palio un trofeo, siamo andati a parlare con Giovanni Stroppa. Ex-allenatore del Pescara, ma anche ex-giocatore della Lazio dal 1991 al 1993, ci ha raccontato il suo ricordo dei derby giocati con l’aquila…

ROMA – Per parlare della prossima stracittadina romana, che per la prima volta nella storia metterà in palio un trofeo, siamo andati a parlare con Giovanni Stroppa. Ex-allenatore del Pescara, ma anche ex-giocatore della Lazio dal 1991 al 1993, ci ha raccontato il suo ricordo dei derby giocati con l’aquila sul petto, della sua opinione su quello ormai prossimo del 26 maggio e di due giocatori accostati al club capitolino nelle ultime sessioni di mercato. Ecco le sue parole in esclusiva su Cittaceleste.it:

Si ricorda i suoi derby?

“Nei miei due anni alla Lazio ne ho giocati quattro, senza vincitori e nè vinti perchè arrivarono quattro pareggi. Ricordo quell’atmosfera particolare, che iniziava già qualche settimana prima, come del resto è tipico della stracittadina romana. Poi non posso dimenticare che, appena arrivato a Roma, i tifosi mi avevano subito accolto con diverse raccomandazioni a fare bene nel derby”

Tra le due squadre che ci arriva meglio?

“Credo che la Lazio abbia dimostrato, nelle ultime partite, qualcosina in più rispetto alla Roma, che ha altalenato prestazioni e risultati. Però è difficile fare previsioni in una partita del genere, perchè, lo sappiamo benissimo, spesso chi è favorito può incappare in una brutta gara e viceversa, chi parte dietro, può tirare fuori la prestazione. Parliamo inoltre di un derby anomalo, perchè non ci sono in gioco solo tre punti, ma anche la Coppa Italia e una qualificazione in Europa League. Si scrive la storia”.

Un pronostico?

“Impossibile. E’ una gara che potrebbe vivere stravolgimenti in qualsiasi momento, entrambe le squadre hanno gli uomini per farlo. L’unica certezza è che non potrà terminare con una pareggio, ma dovrà finire in un modo o nell’altro. Non mi aspetto neanche un eventuale 0-0 al 90′. Una delle due dovrà vincere e cercherà di farlo prima dei supplementari”

Chi può deciderlo sponda biancoceleste?

“La Lazio ha diversi giocatori importanti che possono essere decisivi, come Hernanes e Mauri, con il brasiliano che ha veramente un talento eccezionale. Poi c’è Miro Klose, che fa dell’imprevedibilità e del cinismo le sue doti migliori, in grado di piazzare la zampata vincente in qualsiasi momento.Mma è troppo facile parlare di lui come possibile uomo partita. Credo invece, per quello che ha fatto vedere quest’anno, che Candreva possa essere un uomo determinante”

Nell’esperienza a Pescara ha allenato qualche giovane di prospettiva. Ne consiglierebbe qualcuno alla Lazio?

“La Lazio in questo momento ha giocatori importanti, molto più pronti a misurarsi con gli obiettivi del club. Weiss e Quintero? Devono ancora crescere. Lo sloveno è abituato ad un calcio internazionale, con un’ottima esperienza europea. Un talento dal valore assoluto, ancora un pò anarchico per rientrare al 100% in un discorso Lazio, ma che potrebbe diventarlo per le qualità che ha. Quintero invece si deve abituare al calcio italiano, ha ancora un tipo di gioco molto sudamericano, molto attratto dalla pallone e che, anche lui, deve maturare dal punto di vista tattico. Entrambi comunque, possono rappresentare un ottimo investimento in ottica futura e li vedrei bene a Roma”.


Francesco Pagliaro

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy