ESCLUSIVA – Paolini, rivelazioni brasiliane:”Casemiro..”

ESCLUSIVA – Paolini, rivelazioni brasiliane:”Casemiro..”

ROMA – La Lazio, dopo gli affari fatti con Hernanes e Dias, è ben attenta al mercato in Brasile. Stefano Paolini, consulente ed esperto di calcio brasiliano, questo lo sa bene. In una personalissima classifica dei migliori talenti emergenti ed appetibili, ruolo per ruolo, rivela di aver suggerito a alla…

ROMA – La Lazio, dopo gli affari fatti con Hernanes e Dias, è ben attenta al mercato in Brasile. Stefano Paolini, consulente ed esperto di calcio brasiliano, questo lo sa bene. In una personalissima classifica dei migliori talenti emergenti ed appetibili, ruolo per ruolo, rivela di aver suggerito a alla Juventus l’attaccante classe ’94 Bruno Mendez(in prestito al Botafogo in scadenza 2017 con il Macaè ndr), giocatore che vedrebbe bene nella capitale:  “Il prestito scade a fine 2013 e ora si può prendere con quattro milioni – dichiara Paolini ai microfoni di Radio Radio – Una seconda punta che può far comodo alla Lazio”. Poi ha anche due consigli, uno per il terzino sinistro e l’altro per il vice Klose: ”Carlinhos del Fluminense è un esterno mancino classe ’87, in scadenza 2015, che può essere acquistato con tre milioni e mezzo. Ideale per la Lazio. Un attaccante’? Dico Fred, sempre del ‘Flu’. A 29 anni è nel pieno della maturità e conosce il calcio europeo (Ex-Lione ndr). Costa circa sette milioni ed è pronto per l’uso”. Qualche idea in più per un mercato sempre in continua evoluzione.

Scaldati i motori, la nostra redazione ha contattato direttamente Paolini, che in esclusiva ci ha fatto il punto su un altro nome entrato ultimamente nell’orbita biancoceleste, Claudinei Cardoso Felix da Silva, più comunemente detto Nei: “Non c’è nulla di concreto con la Lazio, è una falsa pista. Ho parlato con Joseph Lee, che mi ha detto che rimarrà in Brasile. Lì i tempi stringono, lui è senza contratto e non può aspettare la chiusura del mercato in Europa, dalla quale è arrivato solo qualche sondaggio”.



Il 27enne terzino ex-International non sembra dunque convincere dalle parti di Formello, mentre può convincere l’altro nome caldo del momento, quello di Carlos Henrique Casimiro: ”Assolutamente da prendere. E’ uno che ha fatto tutte le giovanili del San Paolo, che grazie all’arrivo del nuovo tecnico (Nei Franco ndr) ha ritrovato la nazionale. Può ricoprire più ruoli, ma non è solo un mediano di rottura, anzi. Se dovessi trovargli un difetto direi che a volte eccede nel dribbling, comunque sintomo di grande tecnica e padronanza della sfera”. Le voci di una presunta fase involutiva del talento paulista, non preoccupano Paolini: ”Casemiro ha solo passato qualche mese di appannamento, anche a causa della precedente guida tecnica di Emerson Leao, un personaggio particolare e spigoloso, che l’ha messo fuori squadra”. Svelati infine, anche i motivi della rottura con l’attuale dirigenza, che di fatto l’hanno posto sul mercato a cifre ridotte: ”Lui  si è ritrovato a 20 anni ancora con un contratto da semi professionista, firmato al tempo per un debito di riconoscenza nei confronti del San Paolo, che l’aveva curato dall’epatite all’età di 13 anni. Il mancato adeguamento è stato motivo di risentimento per il ragazzo e il suo entourage, che l’ha proposto a mezzo brasilerao scatenando la rabbia della società. Ragion per cui è stato affidato il mandato a Joseph Lee, lo stesso agente di Hernanes”.  Sette milioni, forse meno, per assicurarsi le prestazioni del talento brasiliano. L’affare è garantito.


 

Francesco Pagliaro

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy