ESCLUSIVA – Savini: “Cavanda è rimasto grazie a Petkovic”

ESCLUSIVA – Savini: “Cavanda è rimasto grazie a Petkovic”

Il rinnovo è arrivato e la guerra è finita. In esclusiva ai microfoni di CittacelesteTv è intervenuto il procuratore di Cavanda, Ulisse Savini che ha ripercorso tutta la vicenda legata al giocatore e al difficile rapporto con la Lazio: “Sei mesi fa avevamo avuto un confronto, ma non abbiamo trovato…

Il rinnovo è arrivato e la guerra è finita. In esclusiva ai microfoni di CittacelesteTv è intervenuto il procuratore di Cavanda, Ulisse Savini che ha ripercorso tutta la vicenda legata al giocatore e al difficile rapporto con la Lazio: “Sei mesi fa avevamo avuto un confronto, ma non abbiamo trovato un accordo. Secondo la Lazio le cifre erano troppo alte, per noi invece era il contrario. Il ragazzo non voleva andare in scadenza e alla fine ci siamo venuti incontro”.

Può aver contribuito il fatto che Cavanda non abbia testimoniato a favore di Zarate nel processo contro la Lazio?

“No, non credo che le due cose siano collegate o collegabili. Cavanda non ha testimoniato perché era in vacanza. Era stato chiamato in causa anche Diakite, ma io ho deciso di lasciare i ragazzi liberi e loro hanno fatto la loro scelta. Su Luis, ha influito tantissimo la figura di PetkovicHo la procura di Cavanda da dicembre – aggiunge Savini – e ho conosciuto un ragazzo decisamente diverso da come me l’avevano descritto. E’ più maturo di quanto sembri, a volte quello che appare, non gli rende merito. Lui è legatissimo alla sua famiglia in Belgio, molto responsabile. Anche lui è in via di grande crescita”.

Sul fronte mercato, che offerte erano arrivate per Cavanda?

“Ne sono arrivate diverse. Vi faccio i nomi di Sunderland, Fulham, Rennes e Lione. Adesso però la situazione è diversa. Credo che – prosegue Savini – la Lazio abbia dimostrato una forte volontà di continuare il rapporto col ragazzo. E’ al centro del progetto tecnico”.

Adesso Ulisse Savini che rapporto ha con la Lazio?

“E’ evidente che i rapporti siano migliorati.  Adesso c’è un rapporto più tranquillo tra me e la Lazio. Comunque, ci tengo a precisare che io faccio sempre gli interessi dei miei giocatori. Diakite, ad esempio, aveva voglia di cambiare ed è andato al Sunderland. Anche con Cavanda ho rispettato le sue volontà.”

Adesso Ulisse Savini che rapporto ha con la Lazio?

“E’ evidente che i rapporti siano migliorati.  Adesso c’è un rapporto più tranquillo tra me e la Lazio. Comunque, ci tengo a precisare che io faccio sempre gli interessi dei miei giocatori. Diakite, ad esempio, aveva voglia di cambiare ed è andato al Sunderland. Anche con Cavanda ho rispettato la sua volontà.”

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy