EUROPA – Collum: disastro più totale

EUROPA – Collum: disastro più totale

L’arbitro Collum, inviato dall’Uefa per eliminare la Lazio stende i biancocelesti a Istanbul. Prima sconfitta in Europa, finisce 2-0 con un’espulsione (l’unica cosa giusta) e tanti errori che spingono il Fenerbahce verso la semifinale. Ora servirà un’impresa nell’Olimpico vuoto giovedì prossimo. Alla fine è Ledesma a restare fuori, Lazio col…

L’arbitro Collum, inviato dall’Uefa per eliminare la Lazio stende i biancocelesti a Istanbul. Prima sconfitta in Europa, finisce 2-0 con un’espulsione (l’unica cosa giusta) e tanti errori che spingono il Fenerbahce verso la semifinale. Ora servirà un’impresa nell’Olimpico vuoto giovedì prossimo.

Alla fine è Ledesma a restare fuori, Lazio col 4-4-1-1, Hernanes in regia, Ederson vicino al bomber Kozak. La ricetta di Petkovic è semplice: tanto pressing per bloccare sul nascere il gioco turco. Si parte e la squadra biancoceleste cerca di non farsi condizionare dai 50.000 tifosi di casa indemoniati ancora di più dopo le ultime due partite europee giocate a porte chiuse. Al 12’ quello che avrebbe potuto essere un episodio chiave: Lulic pesca Ederson lanciato verso la porta steso da Ziegler: un possibile rigore più il rosso che a quel punto sarebbe stato inevitabile diventa nulla per l’arbitro scozzese Collum. Ma la Lazio c’è, rischia solo verso il quarto d’ora quando la solita ingenuità difensiva, stavolta di Lulic, regala la girata a porta sicura a Sow che, però, non ha fatto i conti con la deviazione sul palo di un prodigioso Marchetti. Ederson sfiora il gol con un pallonetto da trenta metri e così si arriva alla fine di un primo tempo senza grandi squilli.

All’inizio della ripresa nessun cambio, ma la partita gira per colpa della follia di Onazi che, già ammonito, interviene in ritardo sul brasiliano Cristian. Lazio in dieci e difficoltà che aumentano perché la stanchezza comincia a farsi sentire. Meireles colpisce un altro palo, ma Candreva in contropiede accorcia il conto dei legni con un destro che rischia di sorprendere il portiere turco. Poi ci pensa l’arbitro Collum, che continua a dirigere a senso unico, ammonisce solo i laziali fino al rigore inventato per un fallo di mano di Radu: Webò porta avanti il Fenerbahce. Poi sempre il fischietto scozzese tira fuori dal cilindro una punizione, sventola un giallo pesante a Mauri (squalificato per il ritorno): destro, corta respinta e tap-in di Kuyt. Finisce malissimo, 2-0 per il Fenerbahce.

Intanto tra 72 ore sarà derby, una sfida particolare sempre, tanto più in questa stagione perché vale punti pesanti per il futuro europeo di entrambe le squadre. C’è da difendere il piccolo vantaggio di tre punti e quello acquisito nello scontro diretto dell’andata. Ma guai a pensare al pareggio che varrebbe doppio perché la Lazio ha mostrato in questa stagione l’incapacità di saper gestire il risultato.

Fonte: Il Tempo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy