EXTRA LAZIO – Agnelli vs Lotito, ha vinto..

EXTRA LAZIO – Agnelli vs Lotito, ha vinto..

E pensare che avrebbero voluto cambiare il calcio italiano insieme. Solamente un anno fa Andrea Agnelli e Claudio Lotito si mandavano messaggi diretti e indiretti, auspicando riforme e rinnovamenti dalla stessa parte della barricata. Oggi fra di loro c’è la profonda spaccatura della Lega, la cui battaglia per il potere…

E pensare che avrebbero voluto cambiare il calcio italiano insieme. Solamente un anno fa Andrea Agnelli e Claudio Lotito si mandavano messaggi diretti e indiretti, auspicando riforme e rinnovamenti dalla stessa parte della barricata. Oggi fra di loro c’è la profonda spaccatura della Lega, la cui battaglia per il potere li ha visti aspramente contrapposti: Lotito a fare il Richelieu della rielezione temporanea di Beretta , Agnelli a sponsorizzare Abodi . Ha vinto il primo, il secondo si è infuriato e la battaglia sembra appena iniziata. Se cambieranno il calcio italiano non lo faranno a braccetto come si auspicavano. Anche se continuano a interpretare la gestione del club in modo analogo: così che domani sera si sfidano allo Stadium (sempre molto ammirato da Lotito) diverse cifre ma la medesima filosofia.

IL TETTO INGAGGI A dire la verità, a fare da apripista sulla conduzione low cost delle società di calcio è stato Lotito che, fin da quando ha comprato la Lazio, nel 2004, ha imposte regole ferree per risanare un club in coma irreversibile visto l’indebitamento a cui l’aveva esposto Cragnotti . E nel giro di pochi anni la Lazio è diventata un esempio di eccellenza economico-finanziaria. Una delle prime mosse di Lotito è stata quella di imporre un tetto ingaggi ai giocatori, provvedimento duramente contestato dai tifosi, ma sul quale il presidente è sempre stato irremovibile. Certo, è stato un limite nelle campagne acquisti, ma Lotito non ha mai ceduto. E i risultati, sul campo come nei bilanci (l’ultimo è stato chiuso persino in attivo), gli danno ragione. Basta vedere quest’estate, nessun top player è arrivato a Formello, soltanto Ederson , trequartista ex Lione trasferitosi a costo zero, e Ciani, centrale di difesa ex Bordeaux pagato una manciata di euro, oltre al vero artefice del “miracolo” biancoceleste, il tecnico Vladimir Petkovic , allenatore sconosciuto, altro colpo low cost nonché vera e propria scommessa vinta da Lotito.



 

Fonte: Tuttosport

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy