Radu crack. In E.League emergenza difesa – VIDEO

Radu crack. In E.League emergenza difesa – VIDEO

ROMA – Le disgrazie non arrivano mai da sole. Al di là del mancato acquisto di un attaccante che rende la rosa di Petkovic alquanto striminzita per le opzioni offensive, la Lazio sarà anche a corto di difensori nei prossimi appuntamenti di Europa League. Due giorni dopo la chiusura della…

ROMA – Le disgrazie non arrivano mai da sole. Al di là del mancato acquisto di un attaccante che rende la rosa di Petkovic alquanto striminzita per le opzioni offensive, la Lazio sarà anche a corto di difensori nei prossimi appuntamenti di Europa League. Due giorni dopo la chiusura della lista Uefa, la squadra biancoceleste perde infatti Stephen Radu per due mesi. Il terzino romeno – in uno scontro fortuito con un compagno di squadra – si è lesionato il legamento collaterale del ginocchio sinistro. Il club biancoceleste cerca da sempre un’alternativa a Radu, adattato sulla fascia dopo la cessione di Kolarov. Ma i vari acquisti effettuati per trovare un’alternativa al romeno non hanno mai dato risposte convincenti tanto che ora – nell’elenco – non compaiono altri terzini mancini. Il portoghese Pereirinha è stata una scommessa persa, il brasiliano Vinicius bocciato prima ancora di aver sostenuto un esame. L’unico mancino in grado di sostituire Radu attualmente è Lulic, da sempre utilizzato come esterno di centrocampo. Sarà necessario adattare il bosniaco sulla linea di difesa, oppure – qualora Konko fosse disponibile – spostare sulla corsia opposta Cavanda, abitualmente utilizzato sulla fascia destra. L’Europa League inizierà il 19 settembre, ma in casa Lazio è già emergenza. L’altra opzione per risolvere il problema sarebbe quella di cambiare modulo di gioco, con una difesa a tre che non ha mai convinto nessuno. Nelle rare occasioni in cui è stata attuata – in campionato – la Lazio ha sempre perso, andando incontro a figure umilianti, come in occasione della sconfitta col Siena, oppure come nelle trasferte contro Genoa, Udinese e Cagliari nelle quali il risultato è sempre e solo stato negativo. Ora Petkovic dovrà prendere una decisione, cercando di far ritrovare alla propria squadra quell’equilibrio che non sempre c’è stato nelle prime uscite stagionali. Nove gol subìti nelle prime tre sfide sono qualcosa in più di un campanello d’allarme. E ora che mancherà anche Radu fino a novembre, l’allenatore dovrà metterci qualcosa di suo per cercare di risolvere un problema di non poco conto. Nonostante l’infortunio di Radu la Lazio non potrà sostituire il giocatore dalla lista Uefa: le regole parlano chiaro, si cambia unicamente il portiere, e solo in casi eccezionali. La Lazio di Maestrelli spiccò il volo dopo un infortunio di Polentes che lasciò il posto al “mediano” Martini. Il cambio di posizione di Lulic potrebbe anche regalare un assetto più stabile alla squadra.



AGGIORNAMENTO ORE 14.17 – In data odierna l’atleta Stefan Radu è stato sottoposto presso la Clinica Paideia ad esame strumentale ed in risonanza magnetica nucleare al ginocchio sinistro. L’atleta ha riportato, in conseguenza di un trauma occorso ieri, una lesione di primo-secondo grado del legamento collaterale mediale del ginocchio sinistro. E’ stato applicato all’atleta un apparecchio gessato a ginocchiera che dovrà mantenere per tre settimane. Al momento la prognosi clinica è stimata intorno alle otto settimane. (sslazio.it)

AGGIORNAMENTO ORE 13.27 – A sorpresa arriva anche Floccari: “Solo un piccolo controllo, niente di che”.

AGGIORNAMENTO ORE 13.05 – Radu e’ arrivato in Paideia da qualche minuto accompagnato da Biava il quale ha simpaticamente esclamato: “Sono il suo autista!

FLASH – Arriva come una mazzata sul collo, la brutta notizia. A comunicarla è RadioSei: “Si è fatto male Radu“. Si parla di lesione del collaterale e probabilmente anche del menisco del ginocchio destro. Potrebbe stare fuori per due mesi, sarà in clinica all’una. Seguiranno eventuali aggiornamenti.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy