FOCUS – L’urna di Montecarlo sorride alla Lazio!

FOCUS – L’urna di Montecarlo sorride alla Lazio!

di SIMONE PIERETTI e FEDERICO TERENZI APOLLON LIMASSOL (CIPRO) PRECEDENTI – La Lazio affronterà per la terza volta nella storia una squadra proveniente dall’ isola di Cipro.Per quanto riguarda invece la Coppa Uefa, ora Europa League, dobbiamo risalire ai trentaduesimi di finale dell’ edizione 1995-96 quando la Lazio ha affrontato…

di  SIMONE PIERETTI e FEDERICO TERENZI

APOLLON LIMASSOL (CIPRO)

PRECEDENTI – La Lazio affronterà per la terza volta nella storia una squadra proveniente dall’ isola di Cipro.Per quanto riguarda invece la Coppa Uefa, ora Europa League, dobbiamo risalire ai trentaduesimi di finale dell’ edizione 1995-96 quando la Lazio ha affrontato e battuto all’ Olimpico con un rotondo 5 a 0,l’ Omonia Nicosia, grazie alle marcature di Casiraghi autore di una tripletta, goal di Signori su rigore e Rambaudi  a concludere la cinquina. Al ritorno vittoria per 2 a 1, allo Stadio Makarion, grazie alle marcature di Casiraghi e di un giovanissimo Marco Di Vaio. L’ ultimo precedente risale ad una amichevole disputata a Riscone di Brunico, durante il ritiro, contro l’ Olympia Nicosia, nel 2001, le aquile hanno vinto per  1 a 0.

LA SQUADRA – I ciprioti sono allenati dal quarantanovenne Christalis  Christoforou, cipriota e allenatore del club dal marzo 2013. Il modulo adottato è un 4-2-3-1, l’ undici iniziale si compone di Vale tra i pali, linea difensiva formata da Vasiliou,Karypidis,Merkis e Dananae. I due davanti alla difesa sono Gullon e Hamdani, l’ unica punta è lo spagnolo trentatrenne Roberto, supportato da Robert Sangoy e Papoulis. L’ età media dell’ unidici iniziale è di 28,7 anni, squadra molto variegata dal punto di vista delle nazionalità, con pochi ciprioti all’ interno della rosa. Il campionato cipriota non è ancora cominciato e l’ Apollon esordirà in casa contro l’ Ermis Aradippou lunedì  alle ore 18.00 locali. La squadra si è aggiudicata la Coppa di Cipro nella stagione 2012-2013, la settima della sua storia, battendo in finale l’ Ael ai supplementari, in un derby accesissimo, proprio come ha fatto la Lazio contro la Roma. A differenza della Lazio, per accedere al tabellone principale dell’ Europa League è dovuta partire dai preliminari, in quanto non appartenente alla vincitrice del trofeo nazionale, delle prime sette nazioni nel Ranking Uefa. Altra curiosità legata al club isolano, ha eliminato il Nizza nel turno preliminare di Europa League, battendo i francesi per 2 a 0 in casa e perdendo in Francia per uno a zero. Il Nizza, infatti, è stato affrontato e battuto in amichevole dalla Lazio durante questo ritiro estivo,grazie ad un goal di Miroslav Klose.  Hanno anche lo stesso sponsor tecnico della Lazio, ovvero la Macron. Lo stadio che ospita le partite interne è lo stadio Tsirion con una capienza di 13.400 posti, lo stesso dei cugini dell’ Ael di Limassol ed è stato anche, per un lungo periodo, il campo dove si esibiva la nazionale cipriota. I tifosi più caldi sono l’ Apollon Gate 1 che ha un profonda rivalità con i tifosi dell’ Ael, la seconda squadra di Limassol.

IN EUROPA

Il miglior piazzamento è il terzo turno di Coppa Uefa nel 1998-99. Mentre è stata sempre eliminata nei preliminari di Europa League.

PROSSIME SFIDE Apollon-Lazio (24.10.13) Lazio-Apollon (7.12.13)

 

TRABZONSPOR (TURCHIA)

PRECEDENTI – La Lazio ha già affrontato la formazione turca del Trabzonspor nell’edizione 1994 della coppa Uefa, in cui la formazione di Zeman arrivò fino alle porte della semifinale, eliminata dalla doppia sfida dai tedeschi del Borussia Dortmund. La Lazio vinse entrambe le partite per due a uno. Nell’andata – a Trebisonda – i biancocelesti sbloccarono la partita con Rambaudi dopo un quarto d’ora della ripresa. Due minuti dopo il raddoppio di Negro. Poi il gol di Unal. Due settimane dopo, nella sfida di ritorno all’Olimpico stesso punteggio, con rete di Cravero a metà del primo tempo, pareggio turco con Haml, ed eurogol di Marco Di Vaio a un quarto d’ora dal termine.

LA SQUADRA – Il Trabzonspor partecipa alla Super Lig turca. Il tecnico è Mustafa Resit Akcay, il modulo di gioco attuato è il 4-2-3-1, con un unico riferimento offensivo. Nei preliminari di Europa League il Trabzonspor ha eliminato gli irlandesi del Derry City, i bielorussi della Dinamo Minsk e gli albanesi del Perparimi. Sconfitti all’esordio contro il Besiktas, hanno vinto la seconda sfida contro il Caykur Rizespor. In porta c’è Kivrak, nazionale turco e capitano della squadra. Difesa a quattro: a destra il giovane Yavru, la coppia di centrali è formata da Yumlu e Demir, a sinistra l’ex difensore del Chelsea Bosingwa. Davanti alla difesa i due mediani: l’argentino Gustavo Colman e il turco Akgün. Sulla trequarti – sulla destra – c’è il brasiliano Alanzinho, cresciuto nelle giovanili del Flamengo, e con un’esperienza nel campionato norvegese con lo Stabaek. In mezzo c’è il francese Malouda, corsia destra affidata a Volkan Şen. L’attaccante di riferimento è il brasiliano Paulo Enrique, prestante centravanti con la valigia sempre pronta. Atletico Mineiro, poi un’esperienza in Olanda con l’Heerenveen, di nuovo in Brasile con le maglie di Deportivo Brasil e Palmeiras, prima di tornare in Europa, – in Belgio – nel Weslerlo. Tra gli elementi più interessanti anche l’esterno Yusuf Erdogan, giocatore di spicco dell’Under 21. Bosingwa e Malouda sono i calciatori più famosi, ma nella rosa ci sono anche l’esperto nazionale ivoriano Didier Zokora, e il nazionale polacco Mierzejewski. Il Trabzonspor è stata la prima squadra non di Istanbul a vincere il titolo nazionale. Ha vinto sei campionati e otto coppe di Turchia e otto Supercoppe nazionali.

IN EUROPA –Il Trabzonspor ha preso parte per nove edizioni alla Champions League, ha tre partecipazioni alla Coppa delle Coppe ed ha giocato per sedici volte l’Europa League. La squadra turca non è mai andata oltre il terzo turno di una manifestazione europea (Coppa Uefa 90-91 e 94-95).

PROSSIME SFIDE

Trabzonspor-Lazio (3.10.2013) Lazio-Trabzonspor (12.12.2013)

LEGIA VARSAVIA (POLONIA)

PRECEDENTI – La Lazio non ha mai affrontato la formazione della capitale. Un unico precedente con le squadre polacche, nell’edizione della Coppa Uefa 2002-2003 in cui i biancocelesti persero in semifinale l’accesso alla finalissima contro il Porto di Mourinho. La Lazio di Roberto Mancini pareggiò la sfida di andata degli ottavi di finale all’Olimpico per tre a tre. Al ritorno successo per due a uno grazie ai gol di Fernando Couto e Chiesa.

LA SQUADRA – Il Legia Varsavia partecipa all’Ekstraklasa, campionato di serie A polacco. Il tecnico è Jan Urban, polacco dal doppio passaporto spagnolo. Il modulo di gioco utilizzato dall’allenatore è il 4-2-3-1, In porta c’è il nazionale slovacco Kuciak, la linea di difesa è formata dagli esterni Rzezniczak – nazionale polacco e capitano della squadra – e Brzyski. In mezzo c’è Jodlowiec, altro nazionale polacco, e Cichocki, elemento dell’Under 21. Il portoghese Hélio Pinto e il nazionale polacco Furman sono i due mediani davanti alla difesa. Kucharczyk è l’esterno destro di centrocampo, dall’altra parte – a sinistra – c’è altro Under 21 Michal Zyro, in mezzo Radovic. In avanti Patryk Mikita, nazionale Under 20. Nella rosa anche il nazionale polacco Jakub Kosecki, esterno mancino di centrocampo, e il giovane brasiliano Raphael Augusto. Il Legia Varsavia ha partecipato ai turni preliminari di Champions League, eliminando i gallesi del New Saints e i norvegesi del Molde prima di essere eliminati – per differenza reti – dalla formazione romena dello Steaua Bucarest. Dopo cinque giornate di campionato il Legia Varsavia è terza in classifica con nove punti, alle spalle di Gornik Zabrze e Lechia Gdansk. Alle tre vittorie iniziali il Legia ha infilato due sconfitte consecutive in altrettante sfide.

IN EUROPA – Il miglior risultato in Europa risale alla stagione 1990-91 in cui la formazione polacca arrivò fino alle semifinali di Coppa delle Coppe, eliminata dal Manchester United che poi si aggiudicò il trofeo contro il Barcellona nella finale di Rotterdam. In Champions League (Coppa dei Campioni) la miglior prestazione risale all’edizione 1969-70 in cui la squadra raggiunse la semifinale, eliminata nella doppia sfida dagli olandesi del Feyenoord.

PROSSIME SFIDE

Lazio-Legia Varsavia (19.09.2013) Legia Varsavia-Lazio (28.11.2013)

Cittaceleste.it

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy