SCOMMESSE – Gegic resta in carcere

SCOMMESSE – Gegic resta in carcere

Rimane in carcere Almir Gegic, l’ex calciatore serbo costituitosi nel novembre scorso dopo oltre un anno di latitanza nell’ambito dell’inchiesta cremonese sul calcioscommesse. Lo hanno deciso i giudici del Tribunale di Brescia che hanno respinto la sua richiesta di scarcerazione. Proprio durante l’udienza di martedì scorso, il procuratore Roberto di…

Rimane in carcere Almir Gegic, l’ex calciatore serbo costituitosi nel novembre scorso dopo oltre un anno di latitanza nell’ambito dell’inchiesta cremonese sul calcioscommesse. Lo hanno deciso i giudici del Tribunale di Brescia che hanno respinto la sua richiesta di scarcerazione. Proprio durante l’udienza di martedì scorso, il procuratore Roberto di Martino aveva rivelato che Gegic durante un interrogatorio aveva riconosciuto Mister X, l’uomo incontrato per due volte a Milano che proponeva risultati sicuri di partite di Serie A in cambio di 600 mila euro. Per il pm Gegic è a conoscenza di molti altri paricolari e la sua collaborazione è stata parziale. Il gip Guido Salvini, nell’ordinanza che confermava il provvedimento cautelare, scriveva: «non è credibile la sua versione, specie con riferimento ai rapporti con Ilievsky (l’altro membro del gruppo degli zingari tuttora latitante, ndr) dei cui spostamenti e coinvolgimenti, come quello in occasione della partite con la Lazio, non sarebbe stato al corrente». Per il gip, Gegic doveva restare in carcere perché «è soggetto caratterizzato da una significativa pericolosità sociale, che si desume dal numero elevato di episodi in cui è stato coinvolto (almeno una quarantina), dai consolidati rapporti con soggetti inquadrabili nella criminalità organizzata internazionale». Il legale di Gegic, Roberto Brunelli, attende le motivazioni del provvedimento dei giudici bresciani per decidere se ricorrere in Cassazione.

La Gazzetta dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy