IL COMMENTO – L’ultima traccia del miglior Candreva

IL COMMENTO – L’ultima traccia del miglior Candreva

ROMA – Auguri a mamma Nord, in lacrime: “Simbolo di grinta e dedizione…ciao Cristian, grande campione”. Via ogni dolore, Brocchi saluta con amore. E’ un arrivederci alla Lazio, mica all’Europa. Quella, i suoi compagni, gliel’hanno promessa. Subito o il 26 maggio. Alzando la Coppa che fu di Delio Rossi, applaudito…

ROMA – Auguri a mamma Nord, in lacrime: “Simbolo di grinta e dedizione…ciao Cristian, grande campione”. Via ogni dolore, Brocchi saluta con amore. E’ un arrivederci alla Lazio, mica all’Europa. Quella, i suoi compagni, gliel’hanno promessa. Subito o il 26 maggio. Alzando la Coppa che fu di Delio Rossi, applaudito insieme all’ex Berni da tutto l’Olimpico. La sua Samp, già salva, non ha più fame; così si lascia sbranare. Il ginocchio de Dios accompagna il morso del “Mito”. Un morsetto, in realtà, quello di Klose: Floccari s’allunga e sfiora la palla per metterla dentro. Poi si divora la rete, non abboccando all’ultima esca prelibata del panzer.

 

Sfuma qua e là nel pranzo domenicale il fittizio vantaggio dell’Atalanta sull’Udinese. Marchetti fa baccano in porta, manco potesse cambiare il risultato di Udine. Le bombe di Candreva fanno invece solo esplodere il costo del suo cartellino al Friuli. Il gol, per carità, se lo meritava, eccome: Antonio lo rapisce allo scadere su rigore. Per lasciare sotto la Curva l’ultimo ricordo della sua strepitosa stagione. Miglior biancoceleste in assoluto. Onazi avrà tutta la vita davanti per vincere lo scettro, intanto continua a scavare grandi orme sull’erba. Oggi zuppa del sangue di Radu, una traccia a Roma per Mancini: “Who is Stefan?”, si chiede ogni giorno il tecnico del City, da quando continuano ad accostargli il rumeno alla sua fascia sinistra. Speriamo riesca a incontrarlo presto con la Lazio in Europa…

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy