Il Panathinaikos è in ginocchio e perde i pezzi..

Il Panathinaikos è in ginocchio e perde i pezzi..

La testa di Ferreira scricchiola, intanto si china: «Dorme in panchina», è l’ironico e spietato motivetto che i tifosi del Panathinaikos gli riservano. Lo intonano a squarciagola sul web, invocano le dimissioni di quel tecnico che Mourinho definì nel 2005 «un somaro mai diventato cavallo». Cè maretta ad Atene, una…

La testa di Ferreira scricchiola, intanto si china: «Dorme in panchina», è l’ironico e spietato motivetto che i tifosi del Panathinaikos gli riservano. Lo intonano a squarciagola sul web, invocano le dimissioni di quel tecnico che Mourinho definì nel 2005 «un somaro mai diventato cavallo». Cè maretta ad Atene, una contestazione perenne ormai da settimane, è un momento nero. E la Lazio può infierire, Petkovic può infliggere il colpo di grazia in Europa League. E questa la sensazione che si respira. Perché sono in pochi a volersi godere?? il triste spettacolo: appena 20 mila spettatori occuperanno gli spalti dell’Oaka Spiros Louis, uno stadio da 70 mila posti. Sarà un deserto. Quindi, insidioso. Sotto l’Olimpo s’intravede un’oasi felice. Occhio, la sete di gloria può ingannare, ma in effetti il Panathinaikos è in ginocchio e perde i pezzi. Tredici punti di distacco in campionato dalla capolista Olympiakos, una sola vittoria nelle ultime cinque giornate: un inizio così deludente, il Trifoglio?? non lo viveva dalla stagione 86/87. Quanto manca lex Cisse al Panathinaikos: appena sei gol in sette giornate, numeri impietosi. E se l’attacco è stitico, difesa e centrocampo piangono: ai box lex bianconero Boumsong, in forte dubbio Owusu-Abwyie e il giovane Mavrias, una delle poche note positive di questo 2012. Ferma da tempo la stella argentina Sebastian Leto. Crisi fisica, morale ed economica. Una parte della Grecia può già finire fuori dall’Euro: anche problemi di soldi infatti alla base dello scarso afflusso dei tifosi biancoverdi allo stadio. Appuntamento domani sera alle 20.00 (ore 19 italiane): nel silenzio dell’Oaka Spiros Louis il fischio dello spagnolo Carlos Clos Gomez sarà assordante. E la Lazio pensa già di ballare il Sirtaki.

Fonte: Il Corriere dello Sport – Al.Ab.

Rob.Ma. – Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy