#ILDS – Tare: “Per ora basta. Ma fino al 31 agosto…”

#ILDS – Tare: “Per ora basta. Ma fino al 31 agosto…”

ROMA – «Adesso la squadra è completa. Il mercato non è chiuso perché fino al 31 agosto è sempre possibile effettuare qualche operazione (specie se si dovesse superare il preliminare di Champions, ndr ), ma quello che dovevamo fare lo abbiamo fatto. E può bastare così». E’ un Igli Tare…

ROMA – «Adesso la squadra è completa. Il mercato non è chiuso perché fino al 31 agosto è sempre possibile effettuare qualche operazione (specie se si dovesse superare il preliminare di Champions, ndr ), ma quello che dovevamo fare lo abbiamo fatto. E può bastare così». E’ un Igli Tare provato, ma soddisfatto quello che ieri ha raggiunto Shanghai. E’ arrivato qualche ora dopo Pioli e la squadra, con un altro aereo. Il motivo? Mentre la comitiva laziale partiva per la Cina – scrive la Gazzetta dello Sport – lui era ancora in Belgio, dove la notte precedente aveva chiuso la complessa operazione dell’acquisto di Sergej Milinkovic, il ventenne centrocampista serbo che la Lazio ha pagato 9 milioni (più bonus), una cifra che ne fa il terzo acquisto più caro dell’era Lotito dopo Zarate e Hernanes.

LAZIO COMPLETA – «Era il tassello che ci mancava, adesso la rosa è completa e competitiva», precisa Tare. «Dopo aver preso Hoedt, Morrison e Patric (tutti a parametro zero, ndr ) ci mancavano ancora un attaccante esterno e un centrocampista. Kishna (pagato 4 milioni all’Ajax, ndr ) e Milinkovic erano gli elementi che cercavamo per riempire le caselle». Due ventenni, Kishna e Milinkovic, che si aggiungono al ventunenne Hoedt e ai ventiduenni Morrison e Patric. Acquisti tutti giovani, forse troppo. «Ma era quello che volevamo», spiega Tare. «L’esperienza ce la garantiscono gli elementi che avevamo già in organico. La Lazio non ha venduto nessuno dei migliori. Quando dico che la rosa è completa mi riferisco sia al fatto che abbiamo due titolari per ogni ruolo sia alla circostanza che in ciascun reparto abbiamo metà giocatori esperti e metà giovani. Il giusto mix per continuare la crescita iniziata l’anno scorso con Pioli».

 

 

 

FIDUCIA TOTALE – L’avvio di stagione è stato piuttosto deludente, anche se le amichevoli estive non fanno testo. «E infatti non c’è nulla di cui preoccuparsi»,assicura il d.s. «Le sconfitte non fanno mai piacere, ma in un certo senso le avevamo preventivate. Pioli ha voluto incontrare subito avversari forti e più avanti di noi fisicamente, sapendo che si poteva andare incontro a brutte figure. Ma questo era il modo migliore per accelerare la preparazione in vista degli appuntamenti che contano: la Supercoppa e il preliminare di Champions. Per queste sfide saremo pronti».

MILINKOVIC C’E’ – E, per preparare al meglio il match con la Juve, la Lazio è da ieri a Shanghai. Con Pioli ci sono 25 giocatori, ma presto dovrebbero diventare 26. «Sono andato all’ambasciata cinese per ottenere il visto», ha detto Milinkovic. «Lunedì sarò a Roma per le visite mediche e firmare il contratto. Poi partirò per Shanghai. Sono molto felice del mio trasferimento alla Lazio. La somma che il club ha messo sul tavolo è molto alta, forse troppo. Nemmeno quando sono diventato campione del mondo con la Serbia si sono raggiunte simili cifre». Vallo a dire a Lotito.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy