MERCATO- Esultanza polemica, voglia di andar via?

MERCATO- Esultanza polemica, voglia di andar via?

Sempre più vivo l’interesse della Lazio per l’attaccante del Genoa Ciro Immobile. L’asse Roma-Genova e il feeling tra Lotito e Preziosi sembra essere, negli ultimi anni, il piano di mercato delle due società di serie A. Matuzalem è già alla corte dei rossoblù ad allenarsi in attesa di scendere in…

Sempre più vivo l’interesse della Lazio per l’attaccante del Genoa Ciro Immobile. L’asse Roma-Genova e il feeling tra Lotito e Preziosi sembra essere, negli ultimi anni, il piano di mercato delle due società di serie A. Matuzalem è già alla corte dei rossoblù ad allenarsi in attesa di scendere in campo a gennaio. Sculli vorrebbe tornare nella città della Lanterna dove ha trascorso i suoi giorni migliori in carriera. Le ultime indiscrezioni riportate dal Messaggero dicono che Lotito stia tentando di convincere Zarate ad andare da Preziosi, avvalorando l’ipotesi di accogliere nella capitale il bomber ex Pescara. Proprio ieri, nel match di San Siro contro l’Inter, Immobile dopo aver segnato il gol del momentaneo vantaggio, ha esultato zittendo i tifosi del Genoa. Egli stesso ha dichiarato: ” Ho esultato così per rispondere ai fischi immeritati che i tifosi mi hanno indirizzato nelle ultime gare. Credo che i fischi siano ingenerosi perchè ogni volta che scendo in campo cerco di dare sempre il massimo.” Come evidenziato da pianetagenoa1983.net, il gesto di Immobile potrebbe essere un modo per essere ceduto già nel mercato di gennaio. L’ipotesi di una sua cessione potrebbe non essere così remota: Immobile sembra essere sofferente per questa situazione che si è venuta a creare ed sempre più chiaro l’interesse di Delneri per un suo vecchio pupillo che risponde al nome di Sergio Floccari. Tutto questo può essere il preludio ad una trattativa che potrebbe entrare nel vivo proprio nei prossimi giorni.

Ramona Marconi / cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy