IN TV – Domani rivive la Lazio dei -9, Piscedda: ”Fiorini mi ricordava Chinaglia”

IN TV – Domani rivive la Lazio dei -9, Piscedda: ”Fiorini mi ricordava Chinaglia”

ROMA – Venerdì 10 maggio alle ore 23, in chiaro su Premium Calcio, in uno speciale di Marco Piccari in onda sulla “La tribù del calcio”, rivivrà la Lazio 1986/1987. Una squadra che, retrocessa in Serie B e penalizzata di 9 punti, riuscì a conquistare allo spareggio una storica salvezza.…

ROMA – Venerdì 10 maggio alle ore 23, in chiaro su Premium Calcio, in uno speciale di Marco Piccari in onda sulla “La tribù del calcio”, rivivrà la Lazio 1986/1987. Una squadra che, retrocessa in Serie B e penalizzata di 9 punti, riuscì a conquistare allo spareggio una storica salvezza. Lo speciale ripercorre l’incredibile rincorsa dei biancocelesti allenati da Eugenio Fascetti, con interviste al mister ed ai giocatori che, a traguardo raggiunto, vennero ribattezzati gli “Eroi del meno 9”. La stagione non è ancora cominciata e arriva l’ufficialità della penalizzazione di 9 punti. Qualche piccola anteprima:  Eugenio Fascetti dichiara: «Quando me lo comunicarono ricordo che chiamai la squadra per dire a ognuno che chi non se la fosse sentita sarebbe potuto andare». Il difensore Massimo Piscedda aggiunge: «Durante la riunione con Fascetti, alla notizia della penalizzazione, guardai Gabriele Pin: lui veniva dalla Juventus e pensavo se ne sarebbe andato, invece decise di restare. Il suo comportamento fu un esempio per tutti». 

L’attaccante Fabio Poli conclude: «Io avevo un debito con la società, l’anno prima mi aveva pagato tantissimo e io volevo ripagare l’investimento. Non avrei mai abbandonato la Lazio».L’iter termina a Napoli dove la Lazio conquistò la salvezza con gli spareggi. Indimenticabili quelli di taranto e campobasso, ma prima ci fu la sfida a Vicenza che permise ai biancocelesti di arrivare alle fasi finali. Fascetti ricorda: «Il portiere del Vicenza Dal Canto in quella partita era un vero e proprio muro. Si esaltò, anche se dopo quella partita scomparse»  e Poli aggiunge: «Parò anche i moscerini».  Ma la squadra biancoceleste trova il gol che l’avrebbe portata allo spareggio salvezza, poi vinto. A siglarlo fu Giuliano Fiorini, che mister Fascetti ricorda con queste parole: «Un giocatore tecnicamente fortissimo, specialmente in area di rigore. Era il vero boss della squadra». Poli conferma: «Fiorini era un ragazzo che trasmetteva tanta positività alla squadra». E Piscedda conclude: «Mi ricordava Giorgio Chinaglia: era un autentico leader».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy