JUVE-LAZIO: Lippi, «Troppo facile..»

JUVE-LAZIO: Lippi, «Troppo facile..»

ROMA – Il tecnico che nel 2006 ha portato la nazionale azzurra sul gradino più alto del podio, Marcello Lippi, ha parlato questa mattina alla Gazzetta dello Sport, dove, in vista della partita fra Juventus e Lazio (che si giocherà stasera alle 18.00) ha analizzato il momento delle due squadre,…

ROMA – Il tecnico che nel 2006 ha portato la nazionale azzurra sul gradino più alto del podio, Marcello Lippi, ha parlato questa mattina alla Gazzetta dello Sport, dove, in vista della partita fra Juventus e Lazio (che si giocherà stasera alle 18.00) ha analizzato il momento delle due squadre, guidate rispettivamente da Conte e Petkovic. «La Juve e’ la più forte, – ha spiegato – la più collaudata, la squadra con più soluzioni in ogni reparto. Ma non ha già vinto lo scudetto. Aspettiamo marzo quando la Juve dovrà reggere il doppio binario Champions-campionato. Perché, vedrete, i ragazzi di Conte andranno avanti in Europa. Inter e Napoli sono alla pari. Anche se in estate era facile immaginare la squadra di Mazzarri tra le candidate al titolo, mentre l’Inter ha bruciato le tappe. Ha preso tutti in contropiede. Può vincere lo scudetto perché ha un attacco micidiale. Milito-Palacio e Cassano non hanno rivali in giro per l’Italia». Poi Lippi, si è soffermato sulla situazione riguardante la Lazio, «Sarebbe facile parlare dei gol di Klose. L’uomo in più, il campione che fa la differenza. Invece vorrei sottolineare la crescita di Hernanes: i suoi colpi non sono mai banali. E’ stato bravo Petkovic ad alzarlo di qualche metro. La Lazio sta confermando di essere una realtà del calcio italiano» ha concluso.

Rob.Ma. – Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy