• SUL CAN. 669 DELLA TUA TELEVISIONE TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

Klose ko, si ferma 15 giorni. Per il tedesco, volato ieri in Germania, due settimane di stop: salterà Napoli

Klose ko, si ferma 15 giorni. Per il tedesco, volato ieri in Germania, due settimane di stop: salterà Napoli

ROMA – Due settimane di stop. Brutte notizie, se ne saprà di più in giornata, ma le prime indicazioni rimbalzate dalla Germania non sono positive. Sospetto stiramento alla coscia. Klose ieri è volato a Monaco di Baviera per farsi controllare dai suoi medici di fiducia, gli stessi della nazionale tedesca.…

di redazionecittaceleste

ROMA – Due settimane di stop. Brutte notizie, se ne saprà di più in giornata, ma le prime indicazioni rimbalzate dalla Germania non sono positive. Sospetto stiramento alla coscia. Klose ieri è volato a Monaco di Baviera per farsi controllare dai suoi medici di fiducia, gli stessi della nazionale tedesca. In serata ha avuto un contatto con la società biancoceleste: si parla di due settimane di stop. Una cattiva notizia per Reja, che dovrà farne a meno domenica prossima al San Paolo con il Napoli e quasi certamente anche con il Torino all’Olimpico il 19 aprile. Miro si era bloccato all’ultimo scatto della partita di allenamento sabato mattina, il giorno prima della sfida con la Sampdoria, avvertendo una fitta ai flessori. Reja allo stadio Olimpico aveva parlato di una forte contrattura senza sbilanciarsi sui tempi di recupero: 7-15 giorni, aveva spiegato, considerandolo in forte dubbio per la trasferta di Napoli. Klose si deve fermare proprio quando sarebbero serviti i suoi gol per alimentare la volata verso l’Europa League. Domenica il ct Loew era in tribuna all’Olimpico. Miro spera di rientrare a Livorno il 27 aprile per dare una mano alla Lazio e per lanciarsi verso il Mondiale in Brasile. 

 

GONZALEZ – Ieri all’ora di pranzo il centrocampista uruguaiano si è presentato alla clinica Paideia per una risonanza magnetica di controllo. Ha saltato la Sampdoria per una contrattura al polpaccio ed era considerato fortemente in dubbio anche per la trasferta di Napoli. Si attendono indicazioni dallo staff medico, ieri non sono stati diramati bollettini. 

DIAS E NOVARETTI – Ci sono possibilità di recupero per il centrale brasiliano, ma non scende in campo dal 23 febbraio e ha saltato le ultime otto partite della Lazio. Dopo lo stiramento ai flessori della coscia, s’è fermato per la lombalgia e per un problema al polpaccio. Ha bisogno di almeno una settimana piena di allenamento per recuperare la forma. Da verificare le condizioni fisiche di Novaretti, che si era bloccato nei primi minuti della partita con il Parma per una contrattura agli adduttori della coscia destra. 

SPETTATORI – Ieri la Zucchetti, ditta che gestisce i tornelli dello stadio Olimpico per conto del Coni, ha fornito i dati di affluenza relativi alla partita di domenica con la Sampdoria. Si sono registrati 12.956 spettatori di cui 4051 paganti. Erano presenti dunque circa 8900 abbonati. I dati sono in aumento rispetto alle precedenti partite casalinghe. Per Lazio-Parma l’Olimpico aveva fatto registrare l’affluenza di 10.496 spettatori (di cui 3265 paganti). Il minimo si era verificato per Lazio-Atalanta, nella prima domenica dello sciopero indetto dalla Curva Nord, quando erano entrati appena 6548 spettatori di cui 2200 paganti.

Corriere dello Sport

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy