Klose: tutto chiarito…anzi no!

Klose: tutto chiarito…anzi no!

Mettiamola così. La missione di un tedesco in Grecia, di questi tempi, non poteva non creare polemiche. Solo che quelle suscitate da Miro Klose non hanno nulla a che spartire con la recente visita del cancelliere Angela Merkel nel Paese ellenico. Eh sì, perché l’affaire-Klose ha avuto la Grecia come…

Mettiamola così. La missione di un tedesco in Grecia, di questi tempi, non poteva non creare polemiche. Solo che quelle suscitate da Miro Klose non hanno nulla a che spartire con la recente visita del cancelliere Angela Merkel nel Paese ellenico. Eh sì, perché l’affaire-Klose ha avuto la Grecia come sfondo, ma si è consumato tutto ed esclusivamente all’interno del mondo Lazio.

Infortunio reale o diplomatico? 
Un pasticcio più che un caso, una vicenda gestita male. Il cui happy end (la presenza dell’attaccante in tribuna ad Atene) è in realtà un ulteriore elemento di dubbio in una telenovela dai contorni poco chiari. I fatti sono noti. Mercoledì Klose viene convocato per la trasferta di Europa League col Panathinaikos. A sorpresa, perché si pensava a una sua assenza per turn over. Ma la vera sorpresa c’è all’aeroporto di Fiumicino, dove la squadra parte per Atene senza il tedesco. Che qualche ora dopo è sì nello scalo romano, ma per partire alla volta di Monaco di Baviera. La società prima tace, poi parla di permesso accordato a Klose, quindi 24 ore dopo il tecnico Petkovic riferisce di problemi fisici del giocatore. Che infatti in Germania si sarebbe recato per un controllo medico. Ma allora perché convocarlo per Atene? E, soprattutto, perché costringerlo — una volta esauriti gli impegni in Germania — a volare da Monaco in Grecia e poi da Atene a Roma col relativo stress fisico? Domande che restano senza risposte. Klose, peraltro, nel pomeriggio di giovedì ad Atene si è allenato duramente, il che esclude guai fisici seri. E allora, forse, il viaggio in Germania aveva motivazioni anche personali oltre che mediche. E, magari, c’è stato qualche problema di comunicazione nella triangolazione giocatore-società-tecnico.

In campo a Firenze 
Un colloquio tra queste tre entità (Klose, il d.s. Tare e l’allenatore Petkovic) si è svolto ad Atene non appena il tedesco è arrivato nell’albergo che ospitava la Lazio. E’ stata l’occasione per parlarsi e chiarirsi, ammesso ce ne fosse bisogno. E così quello che poteva diventare un caso è stato immediatamente derubricato a piccolo-grande pasticcio mediatico. La prossima e definitiva puntata, quella che chiuderà davvero tutto, andrà in onda domani al Franchi di Firenze. Ufficialmente è in dubbio, ma Klose sarà regolarmente al suo posto al centro dell’attacco contro la Fiorentina. Per garantire alla Lazio quella qualità superiore che sta consentendo ai biancocelesti di volare alto. Anche se (vedi parte finale dello scorso campionato) Klose ogni tanto si concede qualche pausa.

fonte: gazzetta dello sport

Simone Davide

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy