CONFERENZA – Pioli: “Ora i rinforzi. Biglia? Deve restare”

CONFERENZA – Pioli: “Ora i rinforzi. Biglia? Deve restare”

ROMA – Bentornati a Piolilandia. Il tecnico riapre il suo regno. “Pedalare forte”, è il motto, così lui si ripresenta in bici in conferenza: “La Lazio ha gettato le basi, ha dimostrato di avere spirito, qualità e atteggiamenti per essere ad alti livelli. Saremo competitivi anche la prossima stagione su…

ROMA – Bentornati a Piolilandia. Il tecnico riapre il suo regno. “Pedalare forte”, è il motto, così lui si ripresenta in bici in conferenza: “La Lazio ha gettato le basi, ha dimostrato di avere spirito, qualità e atteggiamenti per essere ad alti livelli. Saremo competitivi anche la prossima stagione su vari fronti. Cercheremo di continuare a giocare un calcio propositivo, fatto di attenzione e tanta generosità”. E’ difficile ripetersi e migliorarsi, ma la Lazio non s’accontenta: “Credo che i miglioramenti dovranno esserci nella maturità e nella consapevolezza dei nostri mezzi. Con questa mentalità dovremo scendere in campo per vincere, senza subire gli avversari. Voglio una squadra attiva”. Il mercato può dare un aiuto: “La società sta lavorando per le mie esigenze. Come mi ha messo a disposizione una squadra competitiva l’anno scorso, mi aspetto lo stesso quest’anno”.

MERCATO – In uscita c’è Biglia in bilico: “E’ un giocatore importante, lui sa quanto lo stimo e lo ritengo fondamentale per il nostro percorso. Punto molto su Lucas, anche se nel mercato non si sa mai”. Già c’è l’addio di Mauri: “Mi spiace che Stefano non sia qui con noi. E’ stato un punto di riferimento in campo e fuori. E’ stata una decisione condivisa col presidente, io gli auguro il miglior futuro possibile”. Anche Ledesma è andato via, ma non mancheranno le linee guida dello spogliatoio: “Abbiamo pure altri giocatori con grande personalità. La squadra è ancora composta da persone esperte e altre più giovani di qualità”. C’è il caratterino di Morrison: “Il Ravel che è arrivato a marzo era un lontano fratello, ora si è presentato in forma e devo ancora conoscere le sue caratteristiche. Si è messo a disposizione, può fare sia la mezzala sia il trequartista. In questo momento l’organico nostro offensivo ha cinque giocatori, ma c’è bisogno di un altro innesto”.

 

 

 

SALTO – E’ la stagione delle conferme, anche per Pioli: “Non so se sarà più difficile, ma comporterà nuove esperienze. Partiamo da un punto più alto, ma non mi spavento. Io ho tanto entusiasmo, non vedo l’ora di riabbracciare tutta la squadra. Questa è una nuova opportunità per tutti noi”. Nessun errore da non ripetere: “Abbiamo fatto il percorso che dovevamo fare e messo in mostra un gioco spettacolare. Abbiamo segnato tanto e siamo stati la terza miglior difesa del campionato. Dobbiamo diventare solo più intelligenti nella tenuta delle gare”. La Lazio è un punto di arrivo: “Questo club vuole dimostrare di poter essere competitivo in Italia e in Europa. Dobbiamo ancora crescere, ma ripartire dall’ultima annata”. La preparazione sarà diversa con la Supercoppa dell’8 agosto: “Dovremo stare attenti ai carichi di lavoro, abbiamo nella testa il primo obiettivo e poi quello dei preliminari. Ci faremo trovare nel miglior modo possibile”. La Juve non è più marziana senza Tevez e Pirlo: “Non lo so, tutti pensano di essersi rinforzati. I bianconeri hanno perso due big, ma hanno fatto un ottimo mercato. Per me rimangono i migliori d’Italia”.

COMPETITIVITA’ – Chi è arrivato dietro la Lazio in classifica si è rinforzato parecchio: “La Serie A è il campionato più difficile. Anche l’anno scorso abbiamo trovato diversi ostacoli. Tante squadre sulla carta sono più forti, ma hanno altre risorse. E lo scorso anno si è visto come non sempre chi più spende prima arriva. Sarà il campo a parlare, chi sta cambiando tanto aveva bisogno di farlo. La nostra rosa va solo ritoccata e il mercato è solo all’inizio. Credo che ci siano alcune situazioni da chiarire il prima possibile”. Sarebbe stato bello avere qualche giocatore in più ad Auronzo: “Mi auguro che altre situazioni si risolvano entro il 20 luglio. Milinkovic-Savic? Non parlo di nomi…”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy