#LAFORMAZIONE – Pioli e la sua Lazio / GRAFICA

#LAFORMAZIONE – Pioli e la sua Lazio / GRAFICA

ROMA – Pioli ha deciso – assicura il Corriere dello Sport – la Lazio andrà avanti con il 4-3-3. L’acquisto di Ricardo Kishna, esterno offensivo dell’Ajax, vent’anni compiuti all’inizio di gennaio, è stato concepito con una logica precisa. Sostituisce numericamente Stefano Mauri, a cui non è stato rinnovato il contratto,…

ROMA – Pioli ha deciso – assicura il Corriere dello Sport – la Lazio andrà avanti con il 4-3-3. L’acquisto di Ricardo Kishna, esterno offensivo dell’Ajax, vent’anni compiuti all’inizio di gennaio, è stato concepito con una logica precisa. Sostituisce numericamente Stefano Mauri, a cui non è stato rinnovato il contratto, entra per completare il reparto offensivo. Un’ala destinata a diventare la principale alternativa di Felipe Anderson sul versante sinistro dell’attacco. Djordjevic e Klose sono i due centravanti. Keita, nelle ultime uscite, si è mosso sulla fascia destra e in questo momento appare come il doppione di Candreva. Ventidue titolari aveva indicato Pioli subito dopo la fine del campionato, due giocatori per ogni ruolo e il mercato, dedicato sinora alle uscite, si è concentrato sui ritocchi all’organico in cui erano già entrati a far parte Morrison, Patric e Hoedt, catturati a parametro zero durante l’inverno.

DUBBIO – L’interrogativo principale da risolvere riguarda la mezz’ala per completare il centrocampo e il ds Tare spera di riuscire a battere la concorrenza della Fiorentina per il serbo Milinkovic Savic, altrimenti dirotterà su altri obiettivi. Non cambia il significato. La nuova Lazio, costruita sul 4-3-3, è già disegnata sulla carta. E rispetterà i nuovi criteri imposti da Uefa e Federcalcio. In serie A, attraverso la più ampia interpretazione della regola sugli under 21, si potrà in realtà contare su più di 25 giocatori. Tutto sarà più chiaro alla conclusione del mercato. Ci sono diversi step. Il 10 agosto la Lazio invierà a Nyon l’elenco dei 25 giocatori inseriti in lista A (di cui 4 formati nel proprio vivaio e 4 in Italia), il 22 agosto (alla vigilia della prima giornata) la Lega recepirà la lista per il campionato che potrà essere ritoccata e riscritta in modo definitivo all’inizio di settembre, dopo la conclusione del mercato. FORMATI NEL CLUB. Ci sono dei paletti da fissare intanto per stabilire i quattro giocatori cresciuti nel vivaio. Tra i 15 e i 21 anni, anche se stranieri, devono essere stati tesserati a titolo definitivo per la Lazio per 36 mesi (anche non continuativi) o tre stagioni sportive. Tare e Pioli ne hanno già scelti tre. Possiedono i requisiti Guerrieri (terzo portiere dietro Marchetti e Berisha), Cataldi e Onazi. Lottano per la quarta casella Murgia, Zampa, Palombi. Non hanno i requisiti Keita e Oikonomidis. Possono entrare in lista B tutti quei giocatori nati in data successiva al primo gennaio 1994 (dunque under 21) purché abbiano almeno due stagioni di tesseramento nel club. Una scappatoia che consentirebbe, per esempio, a Keita e Oikonomidis di entrare nella lista B europea. Non avrebbero i requisiti, invece, Seck e Prce che pure sono stati aggregati ad Auronzo e potrebbero continuare ad allenarsi con la prima squadra.

 

FORMATI IN ITALIA – Servono almeno quattro giocatori che siano stati allevati da club italiani tra i 15 e i 21 anni per tre stagioni sportive o 36 mesi (non continuativi). La Lazio iscriverà in lista Marchetti, Parolo e Candreva più Oikonomidis. Il greco-australiano è stato tesserato per due stagioni con l’Atalanta e nelle ultime due con la società biancoceleste. Può entrare anche in lista B e per questo motivo potrebbe riaprire in extremis una casella a Konko. Il francese, cresciuto nel settore giovanile della Juventus, resta in sospeso. E’ in scadenza, la società gli proporrà la risoluzione del contratto, ma potrebbe prendere in esame l’idea di tenerlo per altri dodici mesi come quinto terzino dietro a Basta, Patric, Radu e Braafheid. Konko può giocare anche da terzino sinistro.

UNDER 21 – La rosa si allargherà facilmente in Italia. La Figc (comunicato 83/A) ha previsto una deroga al comma 2. «Sarà consentito alle società di serie A l’utilizzo aggiuntivo, rispetto a quelli dell’elenco dei 25, di calciatori, tesserati sia a titolo definitivo sia temporaneo, che alla data del 31 dicembre 2014 non abbiano compiuto il ventunesimo anno di età». Di fatto oggi i nuovi acquisti Hoedt e Kishna, come Keita e Oikonomidis, entrererebbero nell’elenco aggiuntivo degli under 21. Stesso discorso per Seck e Prce, oggi fuori dai parametri Uefa. Ecco perché la Lazio può arrivare ad una rosa di 29-30 giocatori per il campionato italiano. Konko, Cana, Gonzalez e Perea possono ancora sperare nel ripescaggio. © Riproduzione riservata

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy