L’AVVERSARIO – Non svegliate il “can che Bo-russia”..

L’AVVERSARIO – Non svegliate il “can che Bo-russia”..

ROMA – Abbiamo ancora tutti, impressa nella nostra mente, la pennellata di Hernanes che ha permesso a Kozak di impattare il punteggio sul 3 a 3 nella fredda notte del Borussia Park, proprio allo scadere del match, roba non adatta ai deboli di cuore, roba da Lazio quindi. La squadra…

ROMA – Abbiamo ancora tutti, impressa nella nostra mente, la pennellata di Hernanes che ha permesso a Kozak di impattare il punteggio sul 3 a 3 nella fredda notte del Borussia Park, proprio allo scadere del match, roba non adatta ai deboli di cuore, roba da Lazio quindi. La squadra di Lucien Favre, svizzero e profondo conoscitore di Petkovic, applica un calcio molto offensivo, ne è una testimonianza lo spettacolare punteggio di 3 a 3 contro il Bayer Leverkusen maturato in Bundesliga proprio prima del match di andata. La squadra tedesca non se la sta passando proprio bene in campionato dove occupa il nono posto in classifica in coabitazione con Hannover e Shalke 04 a trenta punti. L’ Europa League quindi rappresenterebbe l’ ancora di salvezza per la stagione. Intanto, nell’ ultimo turno di campionato la formazione tedesca ha perso in trasferta contro l’ Amburgo perdendo di misura grazie ad un goal di Van Der Vaart. La squadra è la tipica formazione tedesca. Molto forte fisicamente con delle buone indvidualità. Sicuramente il giocatore più tecnico rimane Arango, ne ha potuto ammirare le sue gesta Marchetti andato a prendere il pallone in fondo al sacco dopo una punizione velenosissima da circa trenta metri. Il venezuelano, dotato di buona gamba abbinata ad un ottimo dribbling, potrebbe creare dei problemi sulla sua fascia, dovrà essere tenuto sott’ occhio.

Senza dimenticare anche il giovane Xhaka, seguito in questa finestra di mercato anche dalla Lazio. La difesa non sembra essere davvero irresistibile con il solo capitano Stranzl a reggere la baracca con tutta la sua esperienza. Tra le punte da segnalare la buona mobilità di Hermmann capace di sgusciare in più occasione alle spalle della difesa biancoceleste che sembra, in questo scorcio di stagione, soffrire molo i brevilinei e coloro che sanno attaccare bene la profondità, chiedere ad Emeghara, autore di una doppietta nella notte Horror del Franchi di Siena. La squadra teutonica, come tutte le squadre tedesche che si rispettino, non mollerà un centimetro fino al novantesimo minuto cercando di dare del filo da torcere alla squadra del tecnico di Sarajevo,non curante del punteggio di andata che, almeno sulla carta ,avvantaggia la Lazio. Ma si sa che i puledri, questo il soprannome della squadra tedesca in patria, sono sempre pronti a galoppare e a scatenare la loro furia contro la porta difesa da Marchetti. Mister Petkovic, avrà già fatto rivedere ai suoi ragazzi la brutta figura rimediata a Siena. Per passare il turno servirà davvero una Lazio diversa da quella ammirata in terra toscana. E’ ora di voltare pagina, mettere le briglie ai puledri, e staccare il pass per gli ottavi di finale della competizione, degno risultato di una stagione, fino a questo momento, davvero entusiasmante.

 

Federico Terenzi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy