MERCATO – Anderson, c’è la fumata bianca?

MERCATO – Anderson, c’è la fumata bianca?

di FRANCESCA CUCCUINIRIUNIONI A OLTRANZA – Pensare che la notte scorsa e soprattutto ieri mattina in Brasile era praticamente tutto svanito o quasi, con il diesse Igli Tare e il segretario generale Armando Calveri, sfiniti dopo giorni di riunioni su riunioni e spazientiti dal comportamento della Doyen Sport che solo…

di FRANCESCA CUCCUINI

RIUNIONI A OLTRANZA – Pensare che la notte scorsa e soprattutto ieri mattina in Brasile era praticamente tutto svanito o quasi, con il diesse Igli Tare e il segretario generale Armando Calveri, sfiniti dopo giorni di riunioni su riunioni e spazientiti dal comportamento della Doyen Sport che solo nelle ultime quartantottore aveva cambiato parere e condizioni almeno una ventina di volte, non avendo alcun timore dell’ultimatum del giorno prima. Nemmeno il giocatore, entrato a sorpresa nel vivo dell’operazione, era riuscito a fare breccia nei confronti del duro Renato Duprat rappresentante legale del fondo inglese. Si è andati avanti così per diverso tempo, ma c’era la sensazione che qualcosa stava accadendo, anche perché il club brasiliano, alleato della Lazio sin dall’inizio, stava pressando non poco il fondo inglese.

LA SVOLTA – È stato l’input di Lotito, pronto ad aumentare sensibilmente l’offerta nelle ultime ore, e la strategia del dirigente albanese che, poco prima dell’ora di pranzo, ha rotto gli indugi e chiamato Rodrigues, vicepresidente del Santos, confermando l’aumento dell’offerta ma soprattutto l’ultimatum da girare direttamente alla Doyen Sport: 8,2 milioni di euro è la nostra ultima offerta più il venti per cento di una futura cessione, prendere o lasciare. Il fondo si è trovato isolato ancora una volta, anche perché sia il Santos che Felipe appoggiavano di nuovo la strategia della Lazio. Una tattica che Tare aveva già usato nel 2010 durante l’affare Hernanes con la Traffic, all’epoca proprietaria in parte del cartellino del fantasista. Dopo un paio d’ore la Doyen Sport, forse intimorita che la Lazio potesse allontanarsi definitivamente, chiama il Santos e decide di accettare la proposta di Lotito di 8,2 milioni di euro. Preso atto di ciò, il Santos nel primo pomeriggio ha inviato una mail a tutti i soci, informandoli che il club stava cedendo Felipe alla Lazio.

LA GIOIA DI FELIPE
Il giocatore ha vissuto le ultime ore dell’affare a pochi passi, visto che era nello stesso albergo dove c’erano i suoi procuratori, Arcuri e Castagna, ma anche Camilla, la sorella agente. «Felice perché i tifosi della Lazio mi chiamano fenomeno e non vedono l’ora che arrivi», le parole del giocatore scritte sul suo profilo Facebook. Il centrocampista – che avrà la maglia numero 10 – è pronto a firmare un contratto di cinque anni più uno a 800.000 euro a salire più i premi.

 

23 GIUGNO – Prosegue la trattativa ad oltranza della Lazio per Felipe Anderson. Secondo quanto riportato da Gianluca Di Marzio l’accordo tra la società biancoceleste e il Santos c’è già, adesso si sta parlando con il fondo Doyen Sport, che detiene l’altra parte del cartellino del calciatore. Il fondo vorrebbe mantenere il cartellino anche per il passaggio in Italia, ma è vietato dalle regole. Per questo c’è un lungo confronto, la Doyen intende tenere il cartellino ancora, per poi rivenderlo in futuro a cifre superiore. Il calciatore spinge per andare alla Lazio. E la Lazio non molla.



AGGIORNAMENTO 19:44 – Non sta nella pelle Felipe Anderson, che ieri sera ha cercato di stemperare la tensione dell’attesa con un’uscita in famiglia. Un’attesa che conivolge tutti i tifosi biancocelesti, che già sa qualche giorno hanno cominciato a tempestare di messaggio le bacheche facebook e twitter dei profili ufficiali del talento brasiliano. Felipe nicchia sulle tante testimonianze di affetto e incitamento a firmare il prima possibile, ma pochi minuti fa ha rigraziato tutti attraverso un post, rigorosamente in lingua italiana:Grazie per l’affetto del popolo italiano“. E ancora non ha visto nulla…

AGGIORNAMENTO 18:23 – “Ancora non abbiamo trovato un accordo con la Lazio, per la cessione di Anderson”. Parola di Odilio Rodrigues, vice-presidente del Santos, a Globoesporte. Dichiarazioni di facciata, si attende l’incontro decisivo fra le parti.

AGGIORNAMENTO 17:32 – Stando a quanto riferito dal portale Brasiliano, Lancenet, una delle parti in causa (il fondo Inglese) avrebbe richiesto il pagamento del giocatore in due anni anzichè tre. Uno dei proprietari del fondo, Nelio Lucas, è sbarcato in Brasile per prendere parte all’incontro che avverrà questo pomeriggio. La trattativa rimane vicina alla sua conclusione.

AGGIORNAMENTO 14:40 – Anderson alla Lazio: anche in Brasile sono sicuri: “Mai come oggi Felipe Anderson è stato vicino alla Lazio“. Diariodolitoral e altri portali, spiegano come “la trattativa sia in fase di definizione” e che “l’operazione è oramai nella sua fase conclusiva“. Per questo, si legge “Tare e Calveri, resteranno ancora in Brasile“. Nulla di nuovo, dunque. Solo conferme, per un matrimonio che salvo colpi di scena, si farà.

AGGIORNAMENTO ORE 12:30 – Curiosità. Per qualche ora (dal mattino alle 14.00) è “saltato” il sito ufficiale di Felipe Anderson. Troppi visitatori ansiosi di avere comunicazioni ufficiali direttamente dal calciatore Brasiliano? Chi lo sa, l’importante è che non “salti” l’affare.

21 GIUGNO 2013 – AGGIORNAMENTO ORE 7.00 – Il blitz è riuscito: Felipe Anderson sta per diventare ufficialmente un giocatore della Lazio. Come riassunto dalla Gazzetta dello Sport questa mattina in edicola, mancano solo le firme sui contratti, che arriveranno oggi se nella notte italiana l’ultima riunione non avrà prodotto sorprese negative. Ma l’accordo tra Lazio, Santos e Doyen Sports, ovvero il fondo d’investimento inglese che detiene il 50% del cartellino di Anderson, è stato già trovato. Alla fine decisivo è risultato un rilancio di Lotito, che ha alzato fino a 8,5 milioni di euro l’offerta, oltre al 25% sulla futura vendita garantito al club brasiliano. È il quarto acquisto per Petkovic, dopo Perea, Novaretti e Biglia.

DETTAGLI –  L’incontro decisivo è andato in scena ieri sera, al termine di una giornata piena di colpi di scena. La trattativa è stata sul punto di saltare: il d.s. Tare e il segretario Calveri hanno minacciato il Santos di rientrare in Italia. A quel punto Renato Duprat, il rappresentante del Doyen sports (lo stesso fondo a cui Neymar ha affidato i diritti d’immagine) ha deciso di sedersi al tavolo col Santos, che ora reinvestirà i soldi sul milanista Robinho. Una distanza di 500 mila euro ha rischiato di mandare all’aria un affare impostato già a gennaio. E un ruolo importante l’ha avuto lo stesso giocatore, intervenuto nella trattativa. Anderson, ora fermo per una lesione ai legamenti della caviglia destra, prima di salutare i suoi amici via twitter ha dichiarato: «I tifosi della Lazio mi chiamano fenomeno, sto già studiando l’italiano». Gli servirà subito: potrebbe sbarcare a Roma già domani o domenica, insieme a Tare, per le visite mediche e il primo assaggio di futuro.



AGGIORNAMENTO 04:26 – Una trattativa che sarebbe ormai da mettere in archivio. Dalle ultime notizie che rimbalzano dal Brasile infatti, l’annuncio dell’ufficialità del trasferimento sarebbe atteso già nella giornata odierna, o al massimo entro la fine di questa settimana.

AGGIORNAMENTO 02:15 – Intanto Felipe Anderson ha deciso di godersi una bella serata con i suoi fratelli, così come ha twittato da suo profilo allegando una foto che lo ritrae felice e sorridente. Il passaggio alla Lazio certo, sarebbe un buon motivo per festeggiare. La festa a Roma però, sembra già iniziata, almeno a sentire i tifosi nelle radio, ma soprattutto nei social network. Scorrendo infatti i due profili Twitter e Facebook del talento brasiliano, le rispettive bacheche sono invase da centinaia di messaggi di incoraggiamento, euforia e sprono a firmare il prima possibile.

AGGIORNAMENTO 00:25 – E’ tornato a parlare il vice presidente del Santos, Odilio Rodrigues, che questa volta non nasconde le carte e fa il punto della situazione Anderson: “L’incontro di oggi(giovedi ndr) è stato il terzo o il quarto negli ultimi giorni. Fino a mercoledì, le trattative non andavano bene, ma da quello che mi dicono oggi hanno subito una notevole evoluzione”. Rodrigues infatti(che ha seguito in prima persona tutta la trattativa per i problemi di salute del presidente Luis Alvaro De Oliveira Ribeiro), ha abbandonato la tavola rotonda delle trattative, delegando lo Sport Manager Andrè Zanotta e il sovraintendente Felipe Faro a discutere le questioni relative all’equa distribuzione dei denari con il fondo inglese, rappresentato dall’imprenditore Renato Duprat. Quella che i media locali definiscono “l’ultima riunione”, con protagonisti Santos e Doyen Sports, è tuttora in atto, con il Ds Tare in attesa di risposta dopo l’ultima offerta formulata, che ha toccato gli 8.5 milioni di euro complessivi.

AGGIORNAMENTO 22:48 – Le voci si moltiplicano: c’è fermento. Ultima, in ordine cronologico, è quella dell’esperto di calciomercato Gianluca Di Marzio, che conferma quanto emerso nelle ultime ore:Anderson preme, vuole Lazio. Il centrocampista sta spingendo affinché l’operazione vada in porto“. La volontà di Anderson è una, ed è tutta a tinte biancocelesti.

AGGIORNAMENTO 19:55 – Le ultime indiscrezioni dal Brasile parlano di una situazione sbloccata tra Lazio, Santos e Doyen Sports. A determinare il tutto il rilancio di Lotito, che pur di portare il brasiliano a Roma e regalare il nuovo numero 10 biancoceleste ai tifosi della Lazio, avrebbe aumentato la posta ad otto milioni di euro più commissioni. Si aspettano ulteriori conferme in queste ore.

AGGIORNAMENTO 19.35 – L’ultimo sussurro british e sarà affare fatto: il fondo inglese, intimorito dall’ultimatum della Lazio, ha quasi detto sì. Si sta discutendo sui dettagli, fra le lacrime di commozione di Felipe Anderson, che già parla da giocatore biancoceleste: “I tifosi laziali mi chiamano fenomeno e mi domandano quando arriverò a Roma. Ho imparato già l’italiano per rispondere ai loro messaggi”, bisbiglia. Attendendo il momento delle firme. O meglio, della benedetta fumata bianca.

AGGIORNAMENTO 18:48 – Felipe Anderson è ad un passo dalla Lazio. Il sito del corrieredellosport.it conferma le indiscrezioni raccolte dalla redazione di Cittaceleste e aggiunge altre informazioni, eccole di seguito. Le distanze tra il fondo inglese che detiene metà del cartellino del giocatore e il club biancoceleste si sono ulteriromente accorciate e nella serata italiana ci sarà l’incontro finale che metterà la parola conclusiva su questa estenuante trattativa. Globoesporte, lancenet.com e altri quotidiani brasiliani non hanno dubbi: Tare e Calveri, ds e segretario generale della Lazio vedranno Renato Duprat, rappresentate del famigerato fondo, che di fronte all’ultimatum della Lazio («O accettate la nostra offerta o salta tutto») potrebbe alla fine cedere e accettare i termini economici dell’accordo. Agli inglesi andrebbero 3,75 milioni, il resto al Santos che ha già un accordo con la Lazio. Già pronto anche il contratto di Felipe Anderson. In sostanza 500 mila euro dividono il giovane fantasista dal club capitolino. O il fondo inglese accetta i termini proposti dal club romano o l’intesa salterà.

AGGIORNAMENTO 17:25 – Secondo le indiscrezioni da noi raccolte, il Ds Tare non abbandonerà la terra verdeoro senza aver trovato l’accordo e messo nero su bianco. Un punto d’orgoglio, che nasce dall’incrollabile certezza della bontà dell’operazione. Con Lotito c’è un filo diretto continuo, la linea Roma-San Paolo è rovente, con un piccolo rilancio si arriverebbe a dama. La Lazio è convinta di avere per le mani un campione dal futuro assicurato e non vuole tornare nella capitale a mani vuote.

AGGIORNAMENTO 16:15 – Finalmente dal Brasile si sono accorti della trattativa tra Lazio e Santos per Felipe Anderson. E’ l’articolo di lancio di GloboEsporte, che conferma come il nodo del contendere sia legato alla suddivisione, tra club santista e fondo inglese, della cifra messa sul piatto da Lotito. 7.5 milioni la prima offerta(la stessa di gennaio ndr), poi portata a 7.7 più commissioni internazionali, per un totale di circa 8.2. Cifra che non convince l’interlocutore britannico, che vuole portare a casa non meno di quattro milioni (commissioni escluse) per la sua metà. C’è stato anche un tentativo, di concerto tra Lazio e Santos, di convincere il fondo a prendere il 70% subito e rinunciare al diritti sulla futura cessione (pari al 25%): opzione rifutata. Ieri in nottata l’incontro con il vice presidente Odilio Rodrigues e lo Sport Manager Andrè Zanotta, alla presenza di Stefano Castagna (rappresentante del calciatore) e Frank Trimboli, numero uno della Base Soccer, senza naturamente dimenticare i rappresentanti della Doyen Sports. C’è una distanza di poco meno di 500mila euro, si continuerà a trattare anche nella giornata odierna. Se la situazione invece,  persisterà nello stallo tra le parti, Tare e Calveri potrebbero decidere di non rinviare il volo di ritorno in programma per oggi, con rientro in italia nella mattinata di domani.

TWEET – Della questione Felipe Anderson alla Lazio, si sta occupando anche l’intermediario Stefano Castagna. Ieri notte, ha così cinguettato: “Ancora più dura e difficile… Ma non molliamo“. Il riferimento, con ogni probabilità, dovrebbe essere proprio alla trattativa per portare Anderson in biancoceleste.

AGGIORNAMENTO ORE 8.00 (20 GIUGNO 2013) – Un’altra riunione. La Lazio in pressing per Felipe Anderson. La trattativa, dopo il vertice di martedì, è proseguita ieri in Brasile. E il secondo round si è protratto sino alla notte italiana. Il ds Tare, che due giorni fa aveva presentato un’offerta superiore agli otto milioni per il cartellino del centrocampista, era di nuovo all’assalto nella sede del club brasiliano. Il Santos – si legge sull’edizione odierna del Corriere dello Sport –  si era riservato una risposta, doveva confrontarsi con il fondo inglese, che detiene il 50 per cento della proprietà di Felipe, e verificare bene la divisione degli introiti. La Lazio questa volta è tornata alla carica con il sostegno del brasiliano e dei suoi procuratori. Insieme a Nick Arcuri e Stefano Castagna era presente anche il centrocampista nato a Brasilia. Forte il suo desiderio di trasferirsi in Italia e abbracciare la Lazio, a cui si è promesso dalla fine di gennaio. «Lasciatemi andare» avrebbe spiegato ai dirigenti del Santos e soprattutto ai rappresentanti del fondo inglese, il vero e proprio ostacolo alla trattativa, non ancora convinti della posta.



AGGIORNAMENTO 00:20 – Altre dichiarazioni provenienti dalla terra verdeoro. Questa volta è il vice presidente del Santos, Odilio Rodrigues, a parlare tra gli altri, dell’argomento Anderson: “Ci sono state delle consultazioni. Ora aspettiamo delle offerte concrete nei prossimi giorni”. Alle tante parole fatte in queste ore dunque, si attendono i fatti di un’offerta su carta intestata. Nell’intervista Rodrigues aveva precedentemente spiegato l’abbandono, fino alla prossima finestra di mercato, dell’obiettivo Robinho del Milan, causa l’eccessiva mole economica dell’investimento. La dirigenza bianconera è alle prese(allenatore incluso dopo lo stop della trattativa con Bielsa) con contrattazioni multiple,  concausali dei rallentamenti sulla questione Felipe Anderson, dalla quale si attendono nuovi sviluppi nelle prossime ore. Fondo inglese permettendo.

AGGIORNAMENTO 21:15 – Il tavolo è ancora aperto: Lazio, calciatore con il suo entourage, Santos e fondo inglese stanno giocando le ultime mani di una partita che dura da sei mesi. A carte scoperte Anderson, che ha espresso chiaramente la volontà di abbracciare la causa capitolina, così come il Ds Igli Tare che ha messo sul piatto la proposta biancoceleste(7.7 milioni in tre rate), suffragata dal benestare del club santista. Copre il gioco invece la Doyen Sports, che rilancia le sue motivazioni a caccia di qualche fiches in più. Nella notte (italiana ndr) si saprà se l’asso brasiliano finirà, o meno, nel mazzo di Petkovic.

AGGIORNAMENTO ORE 20:45 – A mettere un pò di pepe a questa nuova mini-telenovela, ci ha pensato lo Sport Manager del Santos, André Zanotta, che ha fatto un punto della situazione direttamente da Brasile: “Ancora non abbiamo ricevuto nessuna proposta ufficiale dalla Lazio, mi riferisco a questa sessione di mercato dal momento che a gennaio il trasferimento stava per andare in porto – le parole di Zanotta ai microfoni di Tuttomercatoweb.com – L’agente del giocatore crede che sia possibile portarci una proposta, noi aspettiamo ma precisiamo che non abbiamo alcuna fretta a cedere il giocatore. Parliamo di un ragazzo di soli 20 anni, con un potenziale da grande giocatore. C’è più di una squadra interessata, se arriverà una proposta davvero buona la prenderemo in considerazione, altrimenti ci teniamo ben stretti Felipe, che ha un grande futuro”. Una dichiarazione di circostanza, essendo non ancora stata ufficializzata, nero su bianco, l’offerta biancoceleste. Qualora dovesse accadere, significherebbe arrivare alla tanto attesa fumata bianca. 

AGGIORNAMENTO ORE 16:30 – Vicini e lontani. Secondo quanto raccolto dalla nostra redazione, l’incontro avvenuto in nottata non ha portato i risultati sperati. Le parti, e la conseguente chiusura della trattativa, sarebbero ancora “parecchio distanti”, ma già nel pomeriggio si potrebbe tornare a parlare, con tanto di presenza del calciatore, per trovare l’accordo tanto atteso. Il motivo del contendere sarebbe legato alla suddivisione tra Santos e Doyen Sports, il fondo inglese che detiene metà del cartellino del brasiliano, della cifra proposta dalla Lazio con relativa dilazione in tre tranches. A gennaio fu la la ragione discriminante del mancato arrivo di Anderson, per via della volontà del club santista di mettere in tasca 4 (e i restanti 3.5 al fondo)dei 7.5 milioni totali messi sul piatto da Lotito, che però diede il via libera all’operazione solo alle 18:15 dell’ultimo giorno di mercato. Anche la tempistica dunque, ebbe il suo ruolo in negativo. Non questa volta: La Lazio è in Brasile per chiudere addirittura prima dell’inizio ufficiale della sessione estiva, ora aperta alle sole risoluzioni di prestiti e comproprietà.

ROMA – Il DS della Lazio Igli Tare continua a viaggiare e spostarsi da una parte all’altra del mondo. Attualmente è fermo in Brasile per portare a termine la trattativa che potrebbe portare a Roma Felipe Anderson. La società romana non lo molla e continua a seguirlo da tempo immemore. Questa volta sembra davvero fatta e l’accordo è più vicino che mai. Nell’ultima stagione il giocatore ha subito un forte calo e la sua valutazione si è abbassata tanto da rientrare nei parametri economici imposti dal presidente Claudio Lotito. L’offerta proposta da Igli Tare è pari a 7,7 milioni di euro pagabili in rate. Con un’aggiunta delle varie commissioni la cifra subirà un aumento ma non supererà gli 8,2 milioni di euro che alla società brasiliana potrebbe bastare. Intanto si cercano di accelerare i tempi per consentire a Felipe Anderson di essere presentato insieme a Lucas Biglia.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy