SERIE A – …Solo applausi per questi ragazzi!

SERIE A – …Solo applausi per questi ragazzi!

ROMA – La gara delle gare. L’evento clou della giornata. La Lazio di Petkovic contro il Napoli di Mazzarri. Seconda e terza in classifica si sfidano per avvicinarsi alla Juve. Las partita del dentro o fuori.La Lazio parte subito forte. Il dominio a centrocampo è pressoché totale. I giocatori biancocelesti…

ROMA – La gara delle gare. L’evento clou della giornata. La Lazio di Petkovic contro il Napoli di Mazzarri. Seconda e terza in classifica si sfidano per avvicinarsi alla Juve. Las partita del dentro o fuori.
La Lazio parte subito forte. Il dominio a centrocampo è pressoché totale. I giocatori biancocelesti tengono e fanno girare palla molto facilmente, tentando delle incursioni nell’area di De Santis.

Vantaggio – La superiorità dei ragazzi di Petkovic ad inizio partita è premiata dal gol arrivato al decimo minuto. Errore di Hamsik in attacco, ripartenza della Lazio e Floccari che controlla da solo davanti a De Sanctis, portando in vantaggio la sua squadra.
Ci si aspetterebbe a questo punto la reazione del Napoli. No, la Lazio torna a creare gioco e azioni, premendo i partenopei nella propria parte di campo e costringendoli a sfruttare l’unica cosa sfruttabile: il contropiede.

Mauri – La svolta nel primo tempo arriva con l’infortunio di Mauri. Una volta uscito il centrocampista – al suo posto Lulic – la mediana della Lazio ha perso un po’ di consistenza permettendo ai napoletani di riguadagnare campo e arrivare, al 27°, alla prima occasione pericolosa, nata in verità da un errore di Marchetti. I biancocelesti subiscono l’iniziativa degli avversari. Vengono stretti in difesa. Pochi minuti solamente. La banda di Petkovic riesce subito a ritrovare la quadratura e a riportarsi in avanti.

Equilibrio – Gli ultimi minuti della prima parte della partita scorrono con un sostanziale equilibrio. azioni da un a parte e dall’altra – tra cui un palo per la Lazio e una traversa per il Napoli.

Secondo tempo – La seconda parte della partita inizia subito a ritmi elevati. A cinque minuti dall’inizio c’è subito un gol annullato per fuorigioco alla Lazio tornata a ricreare gioco e azioni.
Mazzarri dopo aver inserito Insigne nel primo tempo, manda in campo anche El Kaddouri, al posto di un Mesto mai entrato in partita, per cercare di aumentare la spinta offensiva della propria squadra.
I biancocelesti sono bravi a coprire gli spazi e a impedire agli avversari di portarsi in avanti che riescono in qualche occasione, soprattutto grazie alle incursioni si Insigne, a rendersi pericolosi.
Si arriva agli ultimi dieci minuti di partita con un sostanziale equilibrio, un po’ come quello visto alla fine del primo tempo. Mazzarri non ci sta, dentro un’altro attaccante Calaiò al posto di un quasi assente Zuniga.  

Pareggio – Dopo due grandissime occasioni per la Lazio, il Napoli, con un pressing ben gestito si porta in avanti e trova, da calcio d’angolo, il pareggio grazie al colpo di Campagnaro. Petkovic non vuole accettare di pareggiare una partita che poteva essere chiusa già da un po’ e mette dentro il nuovo arrivato Louis Saha.
La Lazio “fortunata” viene fermata di nuovo da un legno. Una traversa blocca il colpo di testa sicuro di Floccari. Negli  ultimi secondi i biancocelesti tentano il tutto per tutto senza però riuscire a riportarsi in vantaggio.

Se nel secondo tempo avessimo visto ancora la Lazio dei primi 45 minuti, probabilmente del Napoli in campo non si sarebbe vista traccia.

cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy