LE VOCI – Aliberti, “Lotito andrebbe squalificato a vita”

LE VOCI – Aliberti, “Lotito andrebbe squalificato a vita”

ROMA – Il gesto di Delio Rossi, dopo il triplice fischio finale dell’arbitro, in Sampdoria-Roma, ha fatto parlare molto. Fra tutti, sono arrivate anche le parole dell’ex presidente della Salernitana, (società a cui oggi, come noto, fa capo Claudio Lotito) Aniello Aliberti che ha avuto Rossi alle sue dipendenze nella…

ROMA – Il gesto di Delio Rossi, dopo il triplice fischio finale dell’arbitro, in Sampdoria-Roma, ha fatto parlare molto. Fra tutti, sono arrivate anche le parole dell’ex presidente della Salernitana, (società a cui oggi, come noto, fa capo Claudio Lotito) Aniello Aliberti che ha avuto Rossi alle sue dipendenze nella grande cavalcata verso la serie A (campionato 1997/’98) e nella più travagliata e meno gloriosa stagione successiva. «Non lo giustifico per il suo gesto ma neppure mi sento di crocifiggerlo. Delio non è uno che porge l’altra guancia, sarà stato istigato, – ha detto al quotidiano ‘La Città’ –  e ha reagito». Rossi, dice, è «un romagnolo simpatico, passionale, istintivo». Sostenendo poi la tesi con un aneddoto: «Bettarini ironizzava sulla sua esclusione, attribuendo l’abbronzatura al fatto che prendeva il sole in panchina perché giocava poco. Sa cosa gli rispose Rossi? Dovrai procurarti anche degli occhiali ed un ombrellone perché resterai fuori a lungo». Farà discutere, poi,  una dichiarazione di Aliberti piuttosto “colorita” nei confronti dell’attuale presidente della Salernitana «Rossi non l’avrei manco multato,avrei piuttosto cercato di capire le ragioni del gesto. Sanzioni disciplinari? Ma se sono riusciti quasi a farla franca addirittura gli organizzatori di “Calciopoli”! Piuttosto – ha detto con tono semiserio – se c’è uno da squalificare, ma a vita, quello è Lotito».

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy